Le informazioni di membri e visitatori sono analizzate in modo anonimo per fornire il miglior servizio possibile e rispondere a tutte le esigenze. Questo sito utilizza anche dei cookies, ad esempio per analizzare il traffico. Puoi specificare le condizioni di archiviazione e accesso ai cookies nel tuo browser. Per saperne di più.
È online la nuova piattaforma nazionale: historiaHelvetica.ch
In evidenza
Lugano, mercato lungo il fiume Cassarate

Lugano, mercato lungo il fiume Cassarate

1970
Marco Carattini
Marco Carattini

C'era una volta il mercato lungo il fiume Cassarate a Lugano. Oggi macchine e traffico come parte del piano viario della città di Lugano. Magari in futuro riusciremo a rendere vivibile la nostra città? Foto dalla collezione DIA di Marco Carattini.

Devi essere registrato in per poter aggiungere un commento
  • Claudio Abächerli

    Se non mi sbaglio fino agli anni 50 il mercato era in piazza Riforma. Mi sembra ricordare che è solo verso il 1960 -anno più anno meno- che il mercato fu "bandito" in Viale Cassarate (non senza critiche). Forse uno dei motivi fu che in quegli anni fu messa in esercizio la prima linea del "filobus" per le Cinque Vie in sostituzione del tram che arrivava solo a San Nicolao. E il filobus abbisognava di una larga piazza di giro, davanti all'ex Banca Popolare di Gino Nessi, proprio dove stavano le bancarelle nei giorni di mercato (martedì e venerdì, ricordo giusto?)

  • Alberto Gadoni

    Nell’anno 1959/6O, adolescente, frequentavo la scuola, proprio lì, sul viale del fiume, all'incrocio con via Carlo Cattaneo, nelle vicinanze del ponte sul Cassarate e a pochi passi dal vecchio studio radio Rsi, un anno scolastico di transizione, istituito dal Cantone e detto dell’ “Avviamento Professionale con indirizzo artigianale professionale “. Mi ricordo che al martedì mattina, il luogo si animava di gente in quanto si teneva il locale mercato, sotto le piante e lungo il fiume, mercato prevalentemente con prodotti locali dell’orto, con le "donnine che scendevano fin dal monte Brè e che occasionalmente conoscevo. Occasione ghiotta per noi ragazzini , nella pausa della ricreazione, andare per bancarelle a curiosare e a cercare qualcosa per sgranocchiare, magari anche solo una mela. Ho uno strano ricordo impresso nella mente; un "poliziotto o uscere comunale" vestito rigorosamente di bianco che passava di bancarella in bancarella e con un blocchetto scriveva appunti o quant'altro.

17 febbraio 2022
247 visualizzazioni
3 likes
1 preferito
2 commenti
1 dossier
Già 2,022 documenti associati a 1970 - 1979

Dossier:

Le nostre vite: un secolo di storia degli svizzeri attraverso le loro immagini

La rete:
Sponsor:
11,199
3,081
© 2024 di FONSART. Tutti i diritti riservati. Sviluppato da High on Pixels.