Le informazioni di membri e visitatori sono analizzate in modo anonimo per fornire il miglior servizio possibile e rispondere a tutte le esigenze. Questo sito utilizza anche dei cookies, ad esempio per analizzare il traffico. Puoi specificare le condizioni di archiviazione e accesso ai cookies nel tuo browser. Per saperne di più.
Archivio della memoria di Stabio

Archivio della memoria di Stabio

Grazie allo stimolo di un gruppo di appassionati di storia e cultura (Guido Codoni, Marco Della Casa, Silvia Lesina Martinelli e Marco Rossi) con una particolare sensibilità rispetto all’esigenza di raccogliere le testimonianze dai diretti protagonisti della vita quotidiana del paese – prima che si attuasse il turbinio di innovazioni che lo hanno cosὶ profondamente modificato – dal 2010 si sta dando forma all’Archivio della memoria di Stabio.
Il progetto mira a raccogliere interviste, documenti, fotografie, video, che – come piccoli tasselli della vita dei singoli, delle associazioni e delle società stabiesi – possano, nel loro insieme, fornire un quadro di Stabio nella sua evoluzione da territorio agricolo a zona industriale e di transito di persone e merci; questo per poter capire come si é arrivati dove siamo e, forse, avere la possibilità di proiettarci in modo più coerente verso il futuro.
Inizialmente tra la fine del 2011 e l’inizio del 2012, si è cercato di promuovere l’idea dell’Archivio contattando le persone che potessero raccontare le loro esperienze di vita. La risposta non è stata immediata: si è dovuto far fronte a problemi di ordine organizzativo, di salute e di disponibilità delle singole persone; in alcuni casi, malauguratamente non si è potuti andare oltre al semplice contatto.
In seguito, dalla trascrizione delle interviste realizzate (24) si sono individuate delle aree tematiche e degli argomenti, che potessero illustrare i vari aspetti emersi nella narrazione. Dalle voci dei nostri anziani non scaturiscono solo fatti, non mere cronache ma, soprattutto, patimenti, speranze, nostalgia, rimpianti, aspettative: emozioni che rendono davvero preziosa questa rassegna di racconti, che si dipanano in forma di montaggi audio tematici, certo provvisori, che speriamo possano ancora ampliarsi e arricchirsi. Stabio com’era, com’erano le sue vie ed il territorio – ancora agricolo e dominato dalla natura; le attività lavorative, le prime industrie, la vita quotidiana, lo svago, le feste. Questi montaggi rappresentano un racconto collettivo, costituito dalle molteplici voci che si sono prestate a raccontarsi e narrare storie che non hanno la pretesa di essere ricostruzioni filologicamente ineccepibili, proprio perché sul rigore ha prevalso l’emozione.
Molte persone hanno messo a disposizione dell’Archivio della memoria di Stabio anche del materiale video e fotografico, che sono stati in parte utilizzati per realizzare delle piccole clip introduttive dei rispettivi montaggi tematici.
Da subito l’archivio è stato pensato come un archivio informatico, per cui il materiale raccolto – escluso alcune eccezioni – è “immateriale”, ed è conservato in formato digitale.
Una di queste preziose eccezioni è il Fondo Rosina Rossi (1927): un insieme di documenti che testimoniano il lavoro di ricerca di Rosina svolto negli anni ’90 in collaborazione con l’ATTE sul tema della terza età e sulla solitudine, oltre a vario materiale documentale (audio di interviste, libri, articoli di giornale, lettere, ecc.) che speriamo di poter presto ordinare e valorizzare.
L’archivio della memoria di Stabio si è fatto inoltre promotore di alcune pubblicazioni di storia locale: “Il Gaggiolo sulla via della salvezza. Stabio durante la seconda guerra mondiale” a cura di Guido Codoni e Marco Della Casa, “Fregüi da Stabiu d’una vòlta” un “quaderno” di scritti dialettali in prosa e in poesia di Lino Albisetti, ordinati, curati e messi in lingua da Sandro Mombelli e Marco Della Casa. Negli ultimi anni si sono pubblicati anche due quaderni: I fatti di Stabio e La nascita del confine 1517.
L’intento di questa operazione è legato alla testimonianza, ma anche ad un riavvicinamento tra le varie generazioni, ad una conoscenza reciproca; e, perché no, anche all’integrazione: Stabio, dopo essere stata terra di migrazione, ora accoglie persone provenienti da svariati luoghi e, raccontandoci le nostre storie, potremo conoscerci e, probabilmente, scoprire quante cose ci legano e accomunano.

Membro dal 25 settembre 2019
Membro distinto dal 1 ottobre 2019
Testo
Guido Codoni mette a confronto i favoirevoli e i contrari al prolungamento della Superstra...
0
0
1
Testo
Guido Codoni ha scritto un articolo ripercorrendo brevemente la storia della Camiceria Rea...
0
0
1
Testo
La frazione di San Pietro, ai piedi del Monte San Giorgio, è caratterizzata dalle case a c...
0
0
1
Testo
In occasione dei trent'anni del museo Guido Codoni ha pubblicato degli articoli, ripercorr...
0
0
1
Testo
Lo stato dei lavori fra Mendrisio e Varese della nuova linea ferroviaria. Guido Codon ha...
0
0
1
Testo
Pur essendo un fiume di pianura, il Laveggio scorre ad anse e, altra particolarità, è l’un...
0
0
1
Testo
Curiosando tra le tombe del cimitero di Stabio: personaggi di spicco e particolari di vita...
0
0
1
Testo
Guido Codoni sulla Rivista del Mendrisiotto presenta il progetto e la realizzazione di una...
0
0
1
Testo
Marco Della Casa ha svolto una ricerca sulla Villa Quisisana che si erge su uno degli sper...
0
0
1
Testo
La Pro Specie Rara possiede a San Pietro di Stabio una fattoria. Uno dei progetti prevede...
0
0
1
Testo
Guido Codoni su Terra Ticinese e sulla Rivista del Mendrisiotto, ripercorre la storia dell...
0
0
1
Testo
La storia del FC Stabio è raccontata da Guido Codoni su L'Informatore in occasione del 60°...
0
0
1
Testo
Guido Codoni ha raccolto la testimonianza di Pierino Bernasconi dei Tricamit di Ligornetto...
0
0
1
Testo
Il Suu in cadrega fu manifestazione che ebbe tanto successo negli anni Novanta dello scors...
0
0
1
La rete:
Sponsor:
5,497
1,898
© 2020 di FONSART. Tutti i diritti riservati. Sviluppato da High on Pixels.