Le informazioni di membri e visitatori sono analizzate in modo anonimo per fornire il miglior servizio possibile e rispondere a tutte le esigenze. Questo sito utilizza anche dei cookies, ad esempio per analizzare il traffico. Puoi specificare le condizioni di archiviazione e accesso ai cookies nel tuo browser. Per saperne di più.

La Prof. Pia Calgari

1984
Nini Eckert-Moretti
Terzaetà

Intervista di Nini Eckert-Moretti - Rivista Terzaetà 2/1984

A Pia Calgari, che durante 42 anni è stata attiva nella scuola ticinese, a vari livelli e in diverse situazioni, abbiamo chiesto: Come hai visto il rapporto fra giovani e anziani?

Andiamo indietro parecchi anni… e nel frattempo la nostra società ha vissuto una rapida evoluzione. Mi rifaccio, allora, alle esperienze dei primi diciassette anni di lavoro, in cui, appunto, facevo scuola, trovandomi così in un rapporto diretto e immediato con la nostra realtà. Ho insegnato in scuole pluriclasse e miste (in alta montagna, in fondo valle, in riva ai laghi, nel Sopra e nel Sottoceneri): furono 17 anni per me molto fecondi, durante i quali, per quanto potevo constatare, i rapporti fra giovani e anziani erano «normali», cioè si svolgevano in un clima di naturalezza, come dovrebbero essere i rapporti fra generazioni diverse e contemporanee. Non erano ancora diventati (con problema»!… I ragazzi trattavano con i vecchi usando quel tanto di rispetto, considerazione e creanza che erano naturali, poiché al rispetto, alla considerazione, alle buone maniere per i vecchi i ragazzi erano stati educati. Gli anziani, a loro volta, trattavano i ragazzi con pazienza, indulgenza, un certo distacco, un’ombra di rimpianto per un’età così lontana dalla loro, quasi mitica...

A scuola, i ragazzi citavano spesso il parere degli anziani, fossero essi i nonni, fossero persone che loro non avevano mai conosciuto e di cui solo avevano sentito parlare: era un parere che contava, da prendere sul serio… C’erano poi i vecchi che i fanciulli guardavano con simpatia, con affettuosa premura; e c’erano gli altri che non godevano di particolare attenzione: tuttavia non si rifiutava loro un servizio e il rispetto non veniva meno, anche nei loro riguardi.

Autore articolo: Nini Eckert-Moretti

Leggi l’articolo cliccando qua.

Vai al dossier “terzaetà” cliccando qua.

Vai al dossier SCUOLE - Museo della Memoria cliccando qua.

Archivio Museo della Memoria: MDM0427

Foto

mdm.atte.ch/MDM0427-foto-1.jpg

Pia Calgari, ispettrice cantonale delle Scuole Materne per 25 anni e Direttrice di tutto il settore prescolastico per sette anni, vive a Lugano, ma è leventinese, patrizia di Osco, nata e cresciuta a Faido, dove ritorna regolarmente.

Devi essere registrato in per poter aggiungere un commento
Non ci sono ancora commenti!
19 giugno 2021
58 visualizzazioni
0 likes
0 preferiti
0 commenti
2 dossier
Già 1,924 documenti associati a 1960 - 1969

In questo documento:

Pia Calgari,

Dossier:

La rete:
Sponsor:
7,766
2,290
© 2021 di FONSART. Tutti i diritti riservati. Sviluppato da High on Pixels.