Le informazioni di membri e visitatori sono analizzate in modo anonimo per fornire il miglior servizio possibile e rispondere a tutte le esigenze. Questo sito utilizza anche dei cookies, ad esempio per analizzare il traffico. Puoi specificare le condizioni di archiviazione e accesso ai cookies nel tuo browser. Per saperne di più.

Elsa Barberis. Una “griffe” tutta luganese

1985
Nini Eckert-Moretti
Terzaetà

Intervista di Nini Eckert-Moretti - Rivista Terzaetà 3/1985

Tra le figure femminili genuinamente nostre, che hanno operato in modo valido nel Ticino lasciandovi impronte importanti, ha un posto a sé Elsa Barberis, la più geniale e di certo l’unica vera creatrice di moda della Svizzera Italiana. Mi ha ricevuto nella sua luminosa, bella casa, molto bianca e molto verde.

Dappertutto eloquenti presenze di amici artisti: Bagutti, Filippini, Cotti, Genucchi, Dobrazansky, Rossi, Bordoni e altri ancora. Ma anche creazioni «sue», specie in legno. Nell’atrio, un manichino in vimini, dal vitino di vespa, autentico dell’Ottocento e una piccola «Singer» a mano la dicono lunga su un’attività eccezionale. A Elsa Barberis abbiamo posto qualche domanda:

Lei è stata un personaggio di primo piano nel settore dell’Alta Moda. Tutti, fra i non più giovanissimi, ricordano la sua personalissima grande sigla al balcone del piano nobile del palazzo di fianco al Municipio, in Piazza Riforma.

Come è arrivata alla professione di creatrice di moda in un momento particolare per il nostro Paese, di tradizioni improntate a modestia e che ancora non viveva il bel/essere degli anni ’50 e ’60?

Parlare di me, dopo 20 o 30 anni mi rende sempre un po’ triste e sfogliando l’album di figurini, modelli, disegni e foto, mi accorgo che veramente ho creato, ho combinato e ho scombinato parecchio. Penso alla distanza tra i vestiti arzigogò lati delle nostre mamme e nonne e quelli miei, comodi, quadrati, pratici e facili da indossare da mattina a sera. lo volevo fare l’architetto e per questo camminavo sempre con gli occhi per aria perché avrei voluto, magari, anche cambiare alcune linee, finestre, balconi dei palazzi di Lugano. Avevo in mente case dalle linee semplicissime, sul tipo di quelle che poi più tardi furono inventate dai maggiori architetti ticinesi. Invece costruii… vestiti.

(…)

Autore articolo: Nini Eckert-Moretti

Leggi l’articolo cliccando qua.

Vai al dossier “terzaetà” cliccando qua.

Vai al dossier MESTIERI - Museo della Memoria cliccando qua.

mdm.atte.ch/MDM0428-foto-video...

Guarda il flmato DonneStorie RSI cliccando qua

Archivio Museo della Memoria: MDM0428

Foto

mdm.atte.ch/MDM0428-foto-1.jpg

ElsA Barberis - Schizzo a china e acquarello con campioncino lino rosa fragola.

mdm.atte.ch/MDM0428-foto-2.jpg

Devi essere registrato in per poter aggiungere un commento
Non ci sono ancora commenti!
19 giugno 2021
81 visualizzazioni
0 likes
0 preferiti
0 commenti
2 dossier
La rete:
Sponsor:
7,928
2,369
© 2022 di FONSART. Tutti i diritti riservati. Sviluppato da High on Pixels.