Le informazioni di membri e visitatori sono analizzate in modo anonimo per fornire il miglior servizio possibile e rispondere a tutte le esigenze. Questo sito utilizza anche dei cookies, ad esempio per analizzare il traffico. Puoi specificare le condizioni di archiviazione e accesso ai cookies nel tuo browser. Per saperne di più.
È online la nuova piattaforma nazionale: historiaHelvetica.ch

Gli squali del Lido

maggio, 2024
Piergiorgio Giambonini
Rivista di Lugano

Nell'edizione del 17 maggio 2024, La Rivista di Lugano dedica un articolo alla Pallanuoto Lugano sotto il motto "La Lugano che Vince, la lunga storia di successi della Pallanuoto cittadina".

Nell'articolo, ricco di fotografie, si ripercorre la storia di questa squadra che sino al 2024 ha portato ben 17 titoli Svizzeri a Lugano.

mdm.atte.ch/MDM0883-foto-1.jpg

Nel 1950 le partite di pallanuoto a Lugano venivano disputate nel lago.

mdm.atte.ch/MDM0883-foto-2.jpg

I campioni Svizzeri del 1970. Da sinistra a destra in piedi: Lénart (giocatore-allenatore), Furrer, Bustelli, De Rogatis, Derendinger, Foletti; In ginocchio: Heinzmann, Rezzonico Van der Voet, Hofmann, Keller e Calori.

Leggi l'articolo apparso sulla Rivista di Lugano cliccando qua.

Vai al dossier La Società Nuoto Lugano

Vai al dossier LIBRI ED ARTICOLI - Museo della Memoria cliccando qua.

Archivio Museo della Memoria: MDM0883

Devi essere registrato in per poter aggiungere un commento
  • Alberto Gadoni

    Fa strano vedere partite di pallanuoto nelle acque “libere” del Ceresio e con gli spettatori che potevano seguire la partita unitamente dalla riva o per alcuni, dalla zattera. Altri tempi dove lo sport era vero sport. La foto mi fa tornare agli anni ‘60 e rivedere alcune persone che ho avuto modo di conoscere personalmente. Al centro, che svetta su tutti , il portiere Andrea De Rogatis che ebbi modo di frequentare professionalmente, in quanto Lui, architetto-ingegnere, collaborava con lo studio di ingegneria Dante Ender, in via Lavizzari 10 a Lugano. Una persona distinta sempre elegante e dai modi gentilissimi, arrivava in cantiere, da notare era alto ca. 2 metri, con la sua inseparabile automobile una Mini Morris. A quel tempo avevamo in comune un cantiere, una edificazione di un palazzo di 5 piani in territorio di Ponte Tresa (Italiab) proprio sulla piazza del Mercato, (Nb. la Committenza era il farmacista del Luogo) , il primo edificio sito nel Comune e dotato di ascensore. Un aneddoto; nello studio di via Lavizzari 10 , giravano già allora delle idee e dei progetti per la realizzazione del famoso “Ponte di Messina”! E mi fermo qui, e non potrei dimenticare gli atleti che seguirono poi negli anni ‘ 70, la coppia di super sportivi, Vito Gasparini e Francesco ((Ceco) Oggioni con Mauro Frischnecht, Sergio Herr e altri ancora che non ricordo.

26 giugno 2024
92 visualizzazioni
1 like
0 preferiti
1 commento
2 dossier

Le nostre vite: un secolo di storia degli svizzeri attraverso le loro immagini

La rete:
Sponsor:
11,199
3,081
© 2024 di FONSART. Tutti i diritti riservati. Sviluppato da High on Pixels.