Le informazioni di membri e visitatori sono analizzate in modo anonimo per fornire il miglior servizio possibile e rispondere a tutte le esigenze. Questo sito utilizza anche dei cookies, ad esempio per analizzare il traffico. Puoi specificare le condizioni di archiviazione e accesso ai cookies nel tuo browser. Per saperne di più.

I prodromi della ribellione

6 aprile 1977
RSI Radiotelevisione svizzera di lingua italiana

Il movimento del Sessantotto nacque originariamente a metà degli anni sessanta negli Stati Uniti e raggiunse la sua massima espansione nel 1968 nell'Europa occidentale col suo apice nel Maggio francese. Nei campus americani la protesta giovanile fu condivisa da classi e gruppi sociali diversi, investendo la morale e i rapporti umani. Gli studenti si schierarono contro la Guerra del Vietnam, a favore delle battaglie per i diritti civili e alle filosofie che esprimevano il rifiuto radicale verso un certo stile di vita genericamente definito «consumistico».

I prodromi della ribellione all'«American way of life» erano già visibili negli anni Cinquanta, nella cosiddetta «beat generation». Fernanda Pivano (1917-2009), traduttrice, scrittrice, giornalista e critica musicale italiana, dopo aver tradotto e studiato i lavori dei maggiori classici statunitensi tra cui Francis Scott Fitzgerald, Ernest Hemingway, William Faulkner, promosse la valorizzazione in Italia degli scrittori della Beat Generation tra cui Allen Ginsberg, Jack Kerouac, William Burroughs e Gregory Corso.

Nella trasmissione «Incontri - Fatti e personaggi del nostro tempo», il 6 aprile 1977, andò in onda una intervista di Enrico Romeo a Fernanda Pivano pressoché tutta incentrata sulla «beat generation».

Devi essere registrato in per poter aggiungere un commento
Non ci sono ancora commenti!
16 gennaio 2018
475 visualizzazioni
0 likes
0 commenti
1 dossier
00:22:00
Già 594 documenti associati a 1970 - 1979

Dossier:

La rete:
Sponsor:
4,029
1,651
© 2019 di FONSART. Tutti i diritti riservati. Sviluppato da High on Pixels.