Le informazioni di membri e visitatori sono analizzate in modo anonimo per fornire il miglior servizio possibile e rispondere a tutte le esigenze. Questo sito utilizza anche dei cookies, ad esempio per analizzare il traffico. Puoi specificare le condizioni di archiviazione e accesso ai cookies nel tuo browser. Per saperne di più.

Lugano-Chiasso 1979. Derby non bello: 0 a 0

2 dicembre 1979
RSI Radiotelevisione svizzera di lingua italiana

Nell’edizione del quotidiano «Libera Stampa» in edicola il 3 dicembre 1979 si leggeva:

Derby incolore e senza gioco, coronato da uno squallido zero a zero. I 5000 calciofili che avevano deciso di investire dieci franchetti e un pomeriggio di sole nella partita di Cornaredo, sono stati ripagati con novanta minuti di sbadigli. E se da un lato il pubblico di parte rossoblù può almeno consolarsi con il punticino che consente di rafforzare una classifica per il momento abbastanza tranquilla, alla tifoseria bianconera non rimane che la prospettiva di dover tornare a sorbirsi nella prossima stagione i Kriens, i Raron e i Wettingen. Che peraltro, dopo quanto visto negli ultimi mesi, sembrano gli avversari più tagliati per il Lugano attuale. Anche il Chiasso, sceso a Cornaredo nell'evidente intento di portare a casa un punto, non ha fatto vedere molto. Si è quasi sempre limitato a controllare la partita, cercando l'affondo con i suoi centrocampisti. E proprio da Iselin, Pellegrini, Manzoni e Mast sono venuti nel primo tempo i maggiori pericoli per la difesa luganese che Wagner, miglior bianconero in campo, ha sventato con un paio di brillanti interventi.

Questo servizio di Tiziano Colotti andò in onda il 2 dicembre 1979. Gli intervistati sono Otto Luttrop e Armando Moro.

Devi essere registrato in per poter aggiungere un commento
Non ci sono ancora commenti!
11 gennaio 2022
17 visualizzazioni
0 likes
0 preferiti
0 commenti
0 dossier
00:07:01
Già 1,538 documenti associati a 1970 - 1979
La rete:
Sponsor:
7,904
2,359
© 2022 di FONSART. Tutti i diritti riservati. Sviluppato da High on Pixels.