Le informazioni di membri e visitatori sono analizzate in modo anonimo per fornire il miglior servizio possibile e rispondere a tutte le esigenze. Questo sito utilizza anche dei cookies, ad esempio per analizzare il traffico. Puoi specificare le condizioni di archiviazione e accesso ai cookies nel tuo browser. Per saperne di più.

Leggere scrivere o lavorare

9 aprile 1984
RSI Radiotelevisione svizzera di lingua italiana

La necessità di un'istruzione popolare, promossa e controllata dallo Stato, è uno dei postulati essenziali delle élite liberali e democratiche dell'Ottocento. La scuola avrebbe dovuto formare il cittadino responsabile e il lavoratore capace di assecondare i progressi tecnici e industriali. Per i conservatori invece, le scelte educative spettano alla famiglia e la scuola deve conformarsi ai precetti religiosi: si devono formare buoni cristiani e lavoratori ubbidienti. Il conflitto, sorto negli anni dopo il 1820, a proposito del mutuo insegnamento - un metodo di reciproca istruzione che permetteva con pochi mezzi di diffondere conoscenze elementari a un gran numero di allievi - illustra il contrasto tra due visioni della scuola e dei suoi scopi.

In Ticino, la volontà di rafforzare la scuola pubblica e di riformare metodi e contenuti dell'insegnamento si scontrava altresì con l'ostilità o l'indifferenza di gran parte della popolazione, e doveva fare i conti con le scarse risorse dello Stato e dei comuni. La legge sulla scuola del 1831 ha tuttavia dato un contributo importante alla creazione di scuole comunali, alla formazione degli insegnanti e alla pubblicazione di materiale didattico.

L'analfabetismo è rimasto però a lungo molto diffuso, come testimoniano i documenti sui quali molte persone firmavano apponendo una croce. Molti ragazzi non frequentavano le scuole, perché occupati precocemente nei lavori agricoli o nei mestieri dell'emigrazione stagionale, specialmente come spazzacamini. Le ragazze invece trovavano lavoro soprattutto nelle filande, dove il salario era misero, le occupazioni monotone e le giornate interminabili. Soltanto lottando contro il lavoro infantile sarebbe stato possibile ottenere una frequentazione regolare e generalizzata della scuola.

Indicizzazione delle sequenze:

Il mutuo insegnamento (40'42''10-44'12''22)

Pro e contro l'educazione delle masse popolari (44'12''23-50'22''15)

La scuola pubblica in Ticino 50'22''16-60'10''07

Cause e persistenza dell'analfabetismo (60'10''08-67'06''17)

Ragazze di filanda (67'06''18-72'24'')

Bambini lavoratori (72'25''-76'16''00)

Contro il lavoro infantile (76'16''00-78'20''

Devi essere registrato in per poter aggiungere un commento
Non ci sono ancora commenti!
La rete:
Sponsor:
3,877
1,604
© 2019 di FONSART. Tutti i diritti riservati. Sviluppato da High on Pixels.