Le informazioni di membri e visitatori sono analizzate in modo anonimo per fornire il miglior servizio possibile e rispondere a tutte le esigenze. Questo sito utilizza anche dei cookies, ad esempio per analizzare il traffico. Puoi specificare le condizioni di archiviazione e accesso ai cookies nel tuo browser. Per saperne di più.

Ferrovia Mesolcinese addio: un omaggio postumo.

23 settembre 2020
Claudio Abächerli

Questa sequenza d’immagini con sottofondo sonoro, ripresa il 23 settembre 2020 presso la sede della ditta Censi Tecnica Ferroviaria a Grono (che ringrazio di cuore per conservato questo ultimo testimone della ferrovia e per avermi concesso di riprendere queste immagini) vuol essere un omaggio alla memoria di quella che fu dapprima la Ferrovia Elettrica Bellinzona-Mesocco, che iniziò il servizio nel 1907, venne ripresa dalle Ferrovie Retiche (RhB) nel 1942 e cessò l’esercizio del traffico passeggeri nel 1973 e quello del traffico merci nel 2003.Grazie all’iniziativa di un gruppo di entusiasti, l’Associazione Amici della Ferrovia Mesolcinese (poi divenuta nel 2000 SEFT Società Esercizio Ferroviario Turistico), parte del materiale rotabile fu conservato e -sotto il nome di Ferrovia Mesocinese- vennero effettuate corse turistiche dal 1995 al 2013 su un percorso raccorciato Castione – Cama e in seguito solo da Grono a Cama. L’ultimo viaggio fu effettuato il 27 ottobre 2013. In seguito la concessione è stata ritirata. Un’elettromotrice ed un carro merci sono stati salvati, ed ora, protetti da una tettoia costruita appositamente, si trovano all’interno del sedime delle ditta Censi, in via Campo Sportivo a Grono. Percorrendo l’autostrada N13 verso sud, all’altezza di Grono si riesce a scorgere la parte superiore dell’elettromotrice. Si tratta del modello ABe 4/4 Nr 1 che in precedenza apparteneva alle Appenzeller Bahnen (Nr. 41), con 40 posti di seconda classe, e 12 posti in due scompartimenti di prima classe coi servizi fra le due classi. La motrice fu costruita nel 1933 dalla Maschinenfabrik Oerlikon (parte elettrica) e Schweiz. Industrie-Gesellschaft Neuhausen (parte meccanica). Potenza 612 PS e velocità massima 65 km/h. Quanto al carro merci Xkl82 non ho indicazioni, ma forse qualche visitatore di questo sito ne sa di più.

Addendum: effettivamente ho ricevuto da Yannik Plomb informazioni dettagliate sia sul vagone (vedi lanostrastoria.ch/entries/kLzn... ) che sulla motrice (vedi lanostrastoria.ch/entries/Zb67... ) cui rimando gli interessati. Grazie Yannik!

Devi essere registrato in per poter aggiungere un commento
Claudio Abächerli
680 contributi
1 ottobre 2020
298 visualizzazioni
0 likes
0 preferiti
1 commento
2 dossier
00:04:42
La rete:
Sponsor:
7,568
2,229
© 2021 di FONSART. Tutti i diritti riservati. Sviluppato da High on Pixels.