Le informazioni di membri e visitatori sono analizzate in modo anonimo per fornire il miglior servizio possibile e rispondere a tutte le esigenze. Questo sito utilizza anche dei cookies, ad esempio per analizzare il traffico. Puoi specificare le condizioni di archiviazione e accesso ai cookies nel tuo browser. Per saperne di più.

Proibito il gioco del «cilio»

25 aprile 1972
RSI Radiotelevisione svizzera di lingua italiana

Nell'aprile del 1922, per ragioni di sicurezza, le autorità ticinesi proibirono il gioco del «cilio», allora di gran moda tra i ragazzini, impegnati lanciare un legno aguzzato, di forma simile a un fuso, colpendolo con una bastonata.

Probabilmente, le autorità grigionesi furono più permissive perché «Il Moesano» afferma che «a Roveredo venne vietato dall'autorità scolastica negli anni cinquanta del Novecento, a causa di un grave incidente». Il periodo grigionese descrive in questo modo il gioco detto anche «lippa»: «Praticato almeno già dall'inizio del Novecento, vi potevano partecipare due o più giocatori, con modalità diverse da luogo a luogo. Comportava l'uso di un bastoncino affusolato che veniva fatto balzare da terra da uno dei giocatori che lo percuoteva con un bastone su una delle estremità affusolate, e poi ribattuto in aria il più lontano possibile verso l'avversario, il quale doveva cercare di afferrarlo al volo con le mani nude oppure aiutandosi con un berretto o un indumento.»

Questo servizio di Plinio Grossi andò in onda il 25 aprile 1972 nella trasmissione «Il Regionale».

Devi essere registrato in per poter aggiungere un commento
Non ci sono ancora commenti!
20 novembre 2018
222 visualizzazioni
0 likes
0 commenti
0 dossier
00:01:51
Già 582 documenti associati a 1970 - 1979
La rete:
Sponsor:
3,884
1,609
© 2019 di FONSART. Tutti i diritti riservati. Sviluppato da High on Pixels.