Le informazioni di membri e visitatori sono analizzate in modo anonimo per fornire il miglior servizio possibile e rispondere a tutte le esigenze. Questo sito utilizza anche dei cookies, ad esempio per analizzare il traffico. Puoi specificare le condizioni di archiviazione e accesso ai cookies nel tuo browser. Per saperne di più.
È online la nuova piattaforma nazionale: historiaHelvetica.ch

Quarta edizione della mostra “Bianco e Nero”

6 aprile 1956
RSI Radiotelevisione svizzera di lingua italiana

Il Cine Giornale Svizzero (CGS) del 6 aprile 1956 dedicò un servizio alla Quarta edizione della mostra d’arte “Bianco e Nero” svoltasi a Lugano. Vi si vede la giuria al lavoro per assegnare il premio. I giurati sono Aldo Patocchi, Henri Georges Adam, Giuseppe Viviani, Walter Morgenthaler e Hans Fischer, ripresi mentre visionano le opere in concorso. Il Gran premio 1956 fu assegnato alla grafica “Interlocking” di Ben Nicholson. Fra i premiati anche il lavoro “Presenze” dell’artista belga Octave Landuyt, l’acquaforte “Elegia del coscritto” del giapponese Amada e la litografia del tedesco Kurt Zimmermann nella sezione “L’uomo e la macchina”. La mostra propose pure una sezione dedicata ad alcuni lavori grafici di Pablo Picasso e dell’artista ginevrino Maurice Barraud.

Il video è disponibile anche nella raccolta del Cine Giornale Svizzero (CGS) pubblicata nel sito web di Memoriav Memobase, dove si leggono i testi di accompagnamento:

Comunicato:
La IV mostra internazionale di Bianco e Nero a Lugano, che raggruppa quest’anno 438 opere di 106 artisti rappresentanti 28 paesi. La giuria al lavoro
Commento:
A Lugano l’obbiettivo ha colto al lavoro la giuria della IV mostra internazionale di bianco e nero: Aldo Patocchi, Henri-Georges Adam, / Giuseppe Viviani, / Morgenthaler / e Hans Fischer. Delle 438 opere di 106 artisti di 28 nazioni, il disegno “Presenze” del belga Landuyt è fra le dieci premiate dalla giuria; / premiati anche “Ragazzo”, mezzatinta del finlandese Aho, e l’allucinante “Elegia del coscritto” acquaforte del giapponese Hamada. / II tedesco Zimmermann vince con la sua litografia il premio speciale sul tema “L’uomo e la sua macchina”; / segnalato “Elettrificazione” del giovane belga Dudant. / Il Gran Premio 1956 è assegnato a “Interlocking” dell’inglese Ben Nicholson. / Il nostro Enrico Manzini cominciò a disegnare, con fervore d’adolescente, quand’era vicino ai settanta. / Ospite della mostra: il Maestro del nostro tempo, Pablo Picasso. Una postuma è dedicata alla memoria di ginevrino Maurice Barraud. /

Fonte del testo: Le arti (0716-2).

Nella stessa pagina è anche la descrizione delle sequenze:

Lugano, TI (Svizzera) – I membri della giuria Aldo Patocchi, Henri-Georges Adam, Giuseppe Viviani, Ernst Morgenthaler e Hans Fischer osservano le opere

Lugano, TI (Svizzera) – Opere premiate di Landuyt, Aho, Hamada, Zimmermann, Dudant

Lugano, TI (Svizzera) – “Interlookin” di Ben Nicholson

Lugano, TI (Svizzera) – Opere di Manzoni

Lugano, TI (Svizzera) – Parete di Pablo Picasso

Lugano, TI (Svizzera) – Disegno di Maurice Barraud

Devi essere registrato in per poter aggiungere un commento
Non ci sono ancora commenti!
13 marzo 2023
75 visualizzazioni
0 likes
0 preferiti
0 commenti
0 dossier
00:01:18
Già 1,474 documenti associati a 1950 - 1959

Le nostre vite: un secolo di storia degli svizzeri attraverso le loro immagini

La rete:
Sponsor:
11,109
3,069
© 2024 di FONSART. Tutti i diritti riservati. Sviluppato da High on Pixels.