Le informazioni di membri e visitatori sono analizzate in modo anonimo per fornire il miglior servizio possibile e rispondere a tutte le esigenze. Questo sito utilizza anche dei cookies, ad esempio per analizzare il traffico. Puoi specificare le condizioni di archiviazione e accesso ai cookies nel tuo browser. Per saperne di più.

Caffettieri poschiavini in Spagna e in Europa

10 dicembre 2001
RSI Radiotelevisione svizzera di lingua

Come altre valli grigionesi, per esempio la vicina Engadina, anche quella di Poschiavo ha conosciuto a cavallo tra l'otto e il novecento, un'emigrazione professionale specifica, quella dei caffettieri e ristoratori. Questa "aristocrazia in grembiule bianco", come fu definita, scelse come destinazione prediletta la Spagna, dove gli emigranti poschiavini hanno gestito caffè, ristoranti o alberghi rinomati, frequentati dall'élite nazionale e da una clientela internazionale altolocata. Del successo anche economico di questa emigrazione rimane quale testimonianza architettonica in valle il cosiddetto "quartiere spagnolo" di Poschiavo. Ma i poschiavini erano presenti anche in Russia, in Danimarca, in Francia e in Italia; nella seconda metà dell'Ottocento, alcuni tentarono pure, in generale con scarso successo, l'avventura in Australia.

L'emigrazione dei caffettieri e ristoratori poschiavini presenta alcune caratteristiche sociologiche e culturali, da ricondurre essenzialmente all'origine riformata dei protagonisti: le attivitià all'estero erano spesso gestite da associazioni familiari; i legami con la comunità d'origine rimanevano intensi: si tornava a Poschiavo per la scelta del coniuge e per trascorrervi periodi di vacanza. Molti hanno fatto ritorno in patria per la quiescenza, una volta ritiratisi dall'attività, come risulta anche dalle testimonianze dell'ultima generazione ancora vivente.

La prima guerra mondiale e la guerra civile spagnola hanno messo fine a questo tipo di emigrazione, che ha contribuito a diffondere benessere, attività e idee moderne in Val Poschiavo, rimasta a lungo essenzialmente agricola e piuttosto chiusa.

Indicizzazione delle sequenze:

0:54-3:34 Poschiavini di Spagna e altrove

8:36-13:32 I circuiti dell'emigrazione e il fattore confessionale

13:33-17:38 L'epopea dei "Café Suizo" in Spagna

19:30-27:27 Affari di famiglia e di Spagna

27:28-32:23 Affari di famiglia e di cuore

40:26-41:45 La fedeltà alle proprie radici

41:46-45:25 Il miraggio dell'Australia

5:25-51:12 Le alterne fortune degli emigranti poschiavini di ieri... e di oggi

Questo servizio di Loris Fedele andò in onda il 10 dicembre2001 nella trasmissione "Eldorado". Vi si racconta che un documento del 1881 testimonia la presenza di oltre 50 pasticcerie e caffè poschiavini in Spagna. Ve n'erano altre sparse per l'Europa, in particolare in Francia, Inghilterra, Polonia, Danimarca e il loro successo contribuì in maniera determinante al sostentamento dei familiari rimasti in valle. Oggi i "Café Suizo" rimasti sono pochissimi e non sono più in mano poschiavine. L'avventura finì quasi per tutti all'inizio del '900 o poco dopo la prima guerra mondiale. A ricordala i figli, ormai ottantenni, degli antichi pasticceri e caffettieri, nati in Spagna e tornati in Svizzera quando i genitori vendettero i loro esercizi.

Devi essere registrato in per poter aggiungere un commento
Non ci sono ancora commenti!
La rete:
Sponsor:
3,274
1,543
© 2019 di FONSART. Tutti i diritti riservati. Sviluppato da High on Pixels.