Le informazioni di membri e visitatori sono analizzate in modo anonimo per fornire il miglior servizio possibile e rispondere a tutte le esigenze. Questo sito utilizza anche dei cookies, ad esempio per analizzare il traffico. Puoi specificare le condizioni di archiviazione e accesso ai cookies nel tuo browser. Per saperne di più.

La flora del Canton Ticino: dal piano montano a quello alpino

17 aprile 1978
RSI Radiotelevisione svizzera di lingua italiana

Curata da Ivan Paganetti con la consulenza scientifica di Carlo Franscella, il 17 aprile 1978, il programma televisivo «Telescuola» mandò in onda la quarta puntata della serie di dieci dedicata alla flora del Canton Ticino: «Accenni sulla flora del Canton Ticino: dal piano montano a quello alpino».

A pagina 12 del settimanale «Teleradio7» in edicola per la settimana dal 15 al 21 aprile 1978 si leggeva la presentazione del servizio (dove da osservare la presenza dell’espressione: «nevi perenni»):

Dalle regioni dei laghi ci si addentra in poco tempo nelle valli: si incontra il bosco di latifoglie con la quercia, la betulla, il castagno, per esempio, poi il faggio. Oltre, più in alto sul livello del mare, si raggiunge il bosco di conifere con l’abete rosso, il larice. A mano a mano che ci si spinge verso le cime, le piante ad alto fusto non possono più crescere. Qui cominciano i pascoli alti, le praterie alpine. Più in su ci sono le rocce dove i vegetali diventano sempre meno numerosi; infine ci sono soltanto le nevi perenni. Il cambiamento di altitudine e il conseguente mutare del clima influiscono decisamente sul tipo di vegetazione. Nella lezione si vuole dimostrare come da un lato le condizioni ambientali influiscano sui vegetali e dall’altro questi ultimi trovino soluzioni di adattamento per la loro struttura particolare grazie alla quale sopravvivono in condizioni climatiche dove la temperatura è sempre più bassa, la radiazione luminosa più intensa, dove l’umidità relativa dell’aria in giornate di bel tempo è di molto inferiore che non in pianura, dove il vento soffia e rovina le piante e ne aumenta l’evaporazione.

Devi essere registrato in per poter aggiungere un commento
Non ci sono ancora commenti!
10 giugno 2022
32 visualizzazioni
0 likes
0 preferiti
0 commenti
0 dossier
00:29:31
Già 1,830 documenti associati a 1970 - 1979
La rete:
Sponsor:
9,666
2,728
© 2023 di FONSART. Tutti i diritti riservati. Sviluppato da High on Pixels.