Le informazioni di membri e visitatori sono analizzate in modo anonimo per fornire il miglior servizio possibile e rispondere a tutte le esigenze. Questo sito utilizza anche dei cookies, ad esempio per analizzare il traffico. Puoi specificare le condizioni di archiviazione e accesso ai cookies nel tuo browser. Per saperne di più.
È online la nuova piattaforma nazionale: historiaHelvetica.ch

Monte Morello, ultima tappa ticinese della rete TV svizzera

16 dicembre 1959
RSI Radiotelevisione svizzera di lingua italiana

Presupposto tecnico necessario perché i pochi in possesso di una televisione nella nostra regione potessero vedere anche i programmi della Televisione svizzera, alla fine degli anni Cinquanta era in corso l’estensione anche nella Svizzera italiana della rete di ripetitori televisivi gestita dalle allora PTT.

Oggetto di un servizio girato a Novazzano e andato in onda il 16 dicembre 1959 nel «Telegiornale», l’inaugurazione del nuovo centro televisivo sul Monte Morello avrebbe, ora, consentito la diffusione dei programmi della Televisione svizzera in tutto il Sottoceneri. Il ripetitore per il Sopraceneri, posto sul Monte Ceneri, era stato, infatti, inaugurato il 18 giugno 1958, mentre quello per buona parte del Sottoceneri, in vetta al San Salvatore, il 29 novembre 1958. Il 1958 e il 1959, dunque, furono i due anni, nel corso dei quali si posero le basi per una recezione uniforme della televisione di servizio pubblico svizzera anche nel Canton Ticino.

Negli anni Sessanta e Settanta, la televisione svizzera aveva un’unica redazione per la produzione del «Telegiornale» (Tagesschau - Téléjournal - Telegiornale) ubicata a Zurigo. Solo a partire dal 1988 la RTSI cominciò a produrre la propria edizione del «Telegiornale» a Comano.

I servizi del «Telegiornale» degli anni Sessanta dedicati alla Svizzera italiana conservati negli archivi della RSI provengono dagli archivi della SRF (Schweizer Radio und Fernsehen), allora DRS. Lo stato delle piste audio varia molto: a volte si sente solo la musica, altre volte si sentono i suoni d’ambiente, talvolta la voce degli intervistati. Ci sono casi in cui il servizio è stato conservato in lingua tedesca, altre volte in lingua italiana. Questo eterogeneo stato delle piste audio non impedisce di usare questi documenti per avere un accesso diretto agli eventi del tempo.

Devi essere registrato in per poter aggiungere un commento
Non ci sono ancora commenti!
8 febbraio 2023
67 visualizzazioni
0 likes
0 preferiti
0 commenti
0 dossier
00:01:05
Già 1,474 documenti associati a 1950 - 1959

Le nostre vite: un secolo di storia degli svizzeri attraverso le loro immagini

La rete:
Sponsor:
11,109
3,069
© 2024 di FONSART. Tutti i diritti riservati. Sviluppato da High on Pixels.