Le informazioni di membri e visitatori sono analizzate in modo anonimo per fornire il miglior servizio possibile e rispondere a tutte le esigenze. Questo sito utilizza anche dei cookies, ad esempio per analizzare il traffico. Puoi specificare le condizioni di archiviazione e accesso ai cookies nel tuo browser. Per saperne di più.

Dopo 66 anni la filodiffusione va in pensione

6 gennaio 1998
RSI Radiotelevisione svizzera di lingua italiana

Questo servizio di Mauro Sannitz andò in onda il 6 gennaio 1998 nell’edizione serale del «Telegionale» per annunciare che il servizio della filodiffusione sarebbe stato interrotto.

È la SSR, nelle sue pagine di storia, a ricordare sinteticamente la popolarità e il declino della filodiffusione:

Al momento della sua fondazione nel 1931, la SSR diffondeva i suoi programmi radio esclusivamente via etere in onde medie. La ricezione era però spesso disturbata, in particolare nelle regioni di montagna. La filodiffusione era una buona alternativa vista la ricezione stabile e la soddisfacente qualità del suono. Negli anni ‘50, la regia federale Poste, telefoni e telegrafi (PTT) iniziò a sviluppare la rete a onde ultracorte (OUC), con l’idea di utilizzarla anche per trasmettere i programmi radiofonici, al fine di integrare la telefonia veicolare (successivamente telefonia mobile) sulla stessa rete e di poter ampliare rapidamente quest’ultima. La qualità di ricezione poté essere notevolmente migliorata grazie alla diffusione via OUC. Con l’avvento sul mercato delle radio a transistor negli anni ‘60 e la diffusione della radio anche in automobile come strumento di compagnia, l’uso della filodiffusione iniziò a stagnare.

Devi essere registrato in per poter aggiungere un commento
Non ci sono ancora commenti!
8 aprile 2021
7 visualizzazioni
1 like
0 preferiti
0 commenti
1 dossier
00:01:13
La rete:
Sponsor:
6,806
2,107
© 2021 di FONSART. Tutti i diritti riservati. Sviluppato da High on Pixels.