Le informazioni di membri e visitatori sono analizzate in modo anonimo per fornire il miglior servizio possibile e rispondere a tutte le esigenze. Questo sito utilizza anche dei cookies, ad esempio per analizzare il traffico. Puoi specificare le condizioni di archiviazione e accesso ai cookies nel tuo browser. Per saperne di più.

Convergenza dei media e vita quotidiana in Svizzera italiana

Si dice spesso che i media stanno diventando convergenti e, cioè, che ciascun mezzo di comunicazione inglobi funzioni che prima appartenevano ad altri media. Pensiamo allo smartphone, un dispositivo attraverso cui scattiamo e ci scambiamo foto, scriviamo messaggi, controlliamo i nostri social, ascoltiamo musica, giochiamo e (tra le altre cose) telefoniamo. Un telefono che fa molto di più, insomma.

Ma la convergenza dei media è davvero solo digitale oppure usavamo media convergenti anche anni fa? E, soprattutto, quanti e quali oggetti mediali convergenti sono entrati nella nostra vita quotidiana e l’hanno cambiata, magari anche inconsapevolmente?

Questo dossier invita a condividere immagini, storie e momenti di vita trascorsi con i media convergenti. Con tecnologie mediali che sembravano il futuro obbligato e che dopo pochi anni sono scomparse (pensiamo al Cd-ROM o a piattaforme come Second Life). Oppure, al contrario, con dispositivi o abitudini di nicchia che poi sono diventate comuni (le prime comunità in rete attraverso i primi PC, lo scaricare dalla rete anche illegalmente con Napster). Queste pratiche e usi globali sono state (ri)adattate localmente, gli oggetti sono stati rinominati per essere addomesticati (vi dice niente Natel?), i nostri concetti di distanza o vicinanza sono irrimediabilmente cambiati (è più prossimo il mio vicino di casa o chi è parte della mia comunità virtuale ma vive negli Stati Uniti?).

Questo dossier fa parte del più ampio progetto “Convergenza e distanza”, avviato dalla Facoltà di Comunicazione, cultura e società dell’USI nel 2021. Obiettivo è quello di costruire un deposito “virtuale” di vostre immagini di media convergenti. Vi invitiamo quindi a mandarci le vostre immagini con oggetti mediali convergenti che conservate a casa, con strumenti di comunicazione che sono entrati a far parte della vostra vita, che hanno segnato parte della vostra memoria personale, familiare o addirittura collettiva nella Svizzera italiana. A spiegarci anche perchè quell’oggetto sia, secondo voi, convergente.

Una selezione delle immagini inviate darà vita a un’esposizione vera e propria di oggetti e di fotografie personali appena le condizioni sanitarie lo consentiranno.

Per decenni, il 1984 è stato un anno a tal segno atteso, che costituiva un esercizio scara...
0
0
1
In Svizzera, la rete Natel A fu introdotta nel 1978. Due anni dopo, cambiando le frequenze...
0
0
1
Quando, il primo febbraio 1995, andò in onda questo servizio di Riccardo Tettamanti al «Te...
0
0
1
Troppa convergenza dei media distanzia dalla realtà? Secondo questa vignetta umoristica ap...
0
0
1
Siamo sicuri che lo smartphone sia l’unico mezzo “mobile” convergente? Secondo questa pubb...
0
0
1
Uno dei libri più stimolanti sulla storia delle tecnologie è stato scritto da William Bria...
1
0
1
Questo servizio di Mauro Sannitz andò in onda il 6 gennaio 1998 nell’edizione serale del «...
1
0
1
La filodiffusione fu senz’altro l’esempio più evidente di una convergenza antecedente l’ep...
1
0
1
Il radiotelefono si avvia in Svizzera nel 1931 e, in chiave più moderna, viene chiamato fi...
2
0
1
La rete:
Sponsor:
6,845
2,110
© 2021 di FONSART. Tutti i diritti riservati. Sviluppato da High on Pixels.