Le informazioni di membri e visitatori sono analizzate in modo anonimo per fornire il miglior servizio possibile e rispondere a tutte le esigenze. Questo sito utilizza anche dei cookies, ad esempio per analizzare il traffico. Puoi specificare le condizioni di archiviazione e accesso ai cookies nel tuo browser. Per saperne di più.

Emilia Banchini 1918-2003

2015
Gabriele Banchini, Sara Banchini-Quadri
Atte-Museo della Memoria

Emilia Banchini nasce a Varese nel 1918. Scuola magistrale, esami del 5°anno al Conservatorio di Torino, maturità artistica, Accademia di Brera, abilitazione a Roma per l’insegnamento del disegno. Negli anni trenta frequenta lo studio del pittore Gariboldi, a Varese, dove apprende la tecnica della punta secca (su rame e zinco). Si sposa a Lugano nel 1940 e incide forse la sua ultima lastra del primo periodo nel 1942 con la nascita del primo figlio. Nascono gli altri figli nel 1944, 1946, 1948. I gravosi impegni famigliari non le permettono di dedicarsi alla sua arte. Nel 1964 muore il marito e si ritrova vedova con quattro figli agli studi. Passa quindi un ventennio senza eseguire altre opere. Riprende con l’incisione (acquaforte) frequentando lo studio di Federica Galli a Milano. Inizia quindi il secondo periodo, lavoro che la impegna fino alla fine degli anni novanta, quando le forze le vengono meno. Ultimo lavoro “Vecchio albero a Sorengo”, incompiuto, è stampato dalla nipote Sara (diplomata all’Accademia delle Belle Arti a Firenze). Si spegne a Lugano nel 2003.

Non credo sia permesso soffermarsi più di un attimo di fronte all’innegabile (anzi, diciamo pure sbalorditiva) abilità tecnica delle incisioni di Emilia Banchini, perché quella soglia è subito trapassata per giungere alla pienezza di esiti nei quali l’esattezza miniaturistica del segno, l’equilibrio delle masse, l’immacolatezza luminosa dei bianchi e la purezza dei neri testimoniano con rigore inattaccabile la rara qualità del suo lavoro…

Adriano Soldini

mdm.atte.ch/MDM0308-foto-testo...

Copertina Libro

INTRODUZIONE

Il libro è reperibile presso:

l’Archivio Emilia Banchini – via Arch. A.Da Ponte 10 – 6946 Ponte Capriasca

L’Archivio Emilia Banchini è visitabile su prenotazione.

Casa editrice:

Archivio Emilia Banchini

Autore pubblicazione:

A cura di Gabriele Banchini, Sara Banchini-Quadri

Vai al dossier LIBRI e ARTICOLI - Museo della Memoria cliccando qua.

Archivio Museo della Memoria: MDM0308

Foto

mdm.atte.ch/MDM0308-foto-1.jpg

2. 1a lastra in assoluto. Puntasecca su zinco eseguita nel 1940.

mdm.atte.ch/MDM0308-foto-2.jpg

3. Puntasecca su rame eseguita dopo il XII 1840.

mdm.atte.ch/MDM0308-foto-3.jpg

4. Casa Banchini a Pregassona – Puntasecca su zinco eseguita dopo giugno 1942 (nascita del figlio Gabriele).

mdm.atte.ch/MDM0308-foto-4.jpg

5. Silenzioso colloquio – Acquaforte eseguita prima del 1982.

mdm.atte.ch/MDM0308-foto-5.jpg

6. Fiore solitario – Acquaforte eseguita prima del 1982.

Devi essere registrato in per poter aggiungere un commento
Non ci sono ancora commenti!
15 maggio 2021
59 visualizzazioni
0 likes
0 preferiti
0 commenti
1 dossier
Già 2,023 documenti associati a 1960 - 1969

In questo documento:

Emilia Banchini

Dossier:

La rete:
Sponsor:
8,465
2,482
© 2022 di FONSART. Tutti i diritti riservati. Sviluppato da High on Pixels.