Le informazioni di membri e visitatori sono analizzate in modo anonimo per fornire il miglior servizio possibile e rispondere a tutte le esigenze. Questo sito utilizza anche dei cookies, ad esempio per analizzare il traffico. Puoi specificare le condizioni di archiviazione e accesso ai cookies nel tuo browser. Per saperne di più.
Costruzione della strada di Gandria

Costruzione della strada di Gandria

1934
Non identificato
Fondazione Pellegrini Canevascini

Titolo: Veduta sui lavori di costruzione della strada di Gandria

Autore: Non identificato

Data: 1934

Luogo: Non identificato

Fondo di provenienza: Fondo Gugliemo Canevascini

Segnatura: 01808

Riproduzione: Vietata, salvo autorizzazione della FPC

Il Ticino moderno è stato costruito in gran parte sulle vie di comunicazione, e in particolare sulle strade. Nella prima metà del XIX secolo furono costruite le strade carrozzabili, mentre nella seconda metà del secolo e all'inizio del Novecento, l'attenzione si concentrò sulla rete ferroviaria, più veloce e con elevate capacità di trasporto. Negli anni Venti e Trenta del '900, il Cantone fu confrontato con la necessità di adattare la rete stradale alle esigenze del traffico motorizzato in forte espansione: tra il 1925 e il 1935 i veicoli a motore immatricolati in Ticino sono più che triplicati (da 1515 a 4874). In epoca di crisi, i cantieri pubblici servivano inoltre a rilanciare l'occupazione. Questi lavori stradali, eseguiti mentre alla testa del Dipartimento cantonale delle pubbliche costruzioni si trovava il socialista Guglielmo Canevascini, valsero a quest'ultimo una forte popolarità tra i lavoratori del settore edile e tra la popolazione delle regioni servite da strade moderne ed efficienti.

Tra i lavori eseguiti tra il 1933 e il 1935 troviamo la costruzione della strada sulla sponda del Ceresio, da Castagnola al confine italiano, detta comunemente strada di Gandria. L'impresa si rivelò difficile e onerosa per via della natura del terreno: zone impervie e roccia friabile. La fotografia riprodotta illustra bene la configurazione del terreno, le tecniche di costruzione e l'attrezzatura, nonché le scarse misure di sicurezza adottate allora. Alcuni operai sembrano formiche appiccicate alla montagna. Il lavoro era penoso e ci furono diversi incidenti, uno dei quali mortale, durante lo scavo di una galleria.

Questa fotografia, tratta da un album, è una tra le oltre duecento appartenenti a delle serie realizzate e fatte allestire a scopo documentario e tecnico dal Dipartimento delle pubbliche costruzioni. Tra queste fotografie, tutte provenienti dal fondo personale di Guglielmo Cavevascini, oltre alla strada di Gandria si trovano immagini della strada del Piottino, della Biaschina, della strada tra Castione e Claro, della strada del Ceneri e molte altre ancora.

Oltre a questa fotografia, qui si possono visionare altre 50 fotografie riguardanti la costruzione della strada di Gandria.

La Fondazione Pellegrini Canevascini gestisce e conserva un centinaio di fondi archivistici, che contengono documenti cartacei, migliaia di fotografie, registrazioni sonore e documenti audiovisivi.

Devi essere registrato in per poter aggiungere un commento
Non ci sono ancora commenti!
La rete:
Sponsor:
3,185
1,532
© 2019 di FONSART. Tutti i diritti riservati. Sviluppato da High on Pixels.