Le informazioni di membri e visitatori sono analizzate in modo anonimo per fornire il miglior servizio possibile e rispondere a tutte le esigenze. Questo sito utilizza anche dei cookies, ad esempio per analizzare il traffico. Puoi specificare le condizioni di archiviazione e accesso ai cookies nel tuo browser. Per saperne di più.
Redazione di Libera Stampa

Redazione di Libera Stampa

1929
Non identificato
Fondazione Pellegrini Canevascini

Titolo: Ritratto di Pietro Barana e della sua segretaria alla redazione di Libera Stampa

Autore: Non identificato

Data: 1929

Luogo: Lugano

Dimensione (cm): 10 x 15

Fondo di provenienza: Fondo Gugliemo Canevascini

Segnatura: 01417

Riproduzione: Vietata, salvo autorizzazione della FPC

Cento anni fa, il 13 giugno 1913, usciva il primo numero del giornale Libera Stampa, espressione di una corrente del Partito Socialista Ticinese, allora minato da una grave crisi interna. È un settimanale di battaglia che denuncia il mal andazzo cantonticinese ma anche il capitalismo affamatore della classe operaia; difensore dell'italianità del Cantone, si schiera in favore dell'intervento dell'Italia in guerra a fianco dell'Intesa.

Il giornale è fondato e animato da Guglielmo Canevascini, primo direttore e segretario della Camera del Lavoro. Attorno a lui alcuni italiani, tra cui il tipografo socialista Pietro Barana, per decenni collaboratore e scrupoloso amministratore del giornale. La foto del 1929 ritrae Barana, con il caratteristico grembiule di tipografo, e la segretaria, in un locale della redazione. L'impressione è quella di alcuni vani d'appartamento adibiti a redazione. Barana stesso ricorda che agli inizi il giornale - "quattro povere paginette fatte di ritagli" - aveva pochi abbonati e una caterva di debiti.

Con il 1° luglio 1920 Libera Stampa diventa quotidiano e negli anni successivi sarà una spina nel fianco del fascismo, fin dal suo sorgere e per tutto il ventennio. La denuncia della dittatura fascista e di tutte le altre che, sull'esempio italiano, si affermano negli anni Venti e Trenta, fa del quotidiano socialista una bandiera di libertà e democrazia.

Espressione della socialdemocrazia nel periodo della guerra fredda, Libera Stampa vive i travagli del Partito Socialista Ticinese degli anni Sessanta ed esce indebolita dalla scissione del 1969. Il proliferare di fogli delle varie tendenze che si richiamano al socialismo, fa perdere alla sinistra l'occasione per dar vita a un giornale forte di area progressista.

Dal fondo di Libera Stampa (FPC 002 Libera Stampa e Diritti del Lavoro; 1914-1992; 6,6 m/l) proviene all'incirca un centinaio delle fotografie raccolte nella collezione fotografica della FPC. Si tratta per lo più di ritratti di personaggi, di fotografie di cronaca o d'agenzia che spesso portano annotazioni manoscritte di carattere tipografico.

Oltre al fondo FPC 002 Libera Stampa, anche i seguenti fondi personali depositati presso l'Archivio di Stato contengono materiali inerenti alla storia di questo periodico:

  • Gugliemo Canevascini (1886-1986; 11,8 m/l)
  • Piero Pellegrini (1920-1960; 2,4 m/l)

La Fondazione Pellegrini Canevascini gestisce e conserva un centinaio di fondi archivistici, che contengono documenti cartacei, migliaia di fotografie, registrazioni sonore e documenti audiovisivi.

Devi essere registrato in per poter aggiungere un commento
Non ci sono ancora commenti!
La rete:
Sponsor:
3,156
1,532
© 2019 di FONSART. Tutti i diritti riservati. Sviluppato da High on Pixels.