Le informazioni di membri e visitatori sono analizzate in modo anonimo per fornire il miglior servizio possibile e rispondere a tutte le esigenze. Questo sito utilizza anche dei cookies, ad esempio per analizzare il traffico. Puoi specificare le condizioni di archiviazione e accesso ai cookies nel tuo browser. Per saperne di più.

Ul mercàa da Lügan

25 agosto 2016
Silvano Montanaro
Atte-Museo della Memoria

Poesia di Silvano Montanaro su un mercato che tanti rimpiangono.

Silvano Montanaro è nato nel 1943. Dopo aver frequentato le scuole primarie a Lugano si è diplomato alla Scuola Magistrale di Locarno. Persona attiva e poliedrica è stato docente di Scuola Elementare, di Scuola Maggiore e di Scuola Media sempre a Lugano. Per parecchi anni ha diretto le Colonie estive di Rodi ed è stato docente di Corsi per adulti, organizzati dal DECS, di matematica e di informatica.

Durante cinquantacinque anni ha collaborato con la Radio Svizzera di lingua italiana in qualità di regista, produttore, redattore, attore e speaker. È autore del libro “Lügan, ul tram e i Marzian" (Fontana Edizioni) e di parecchie poesie tra le quali “Ul mercàa da Lügan”.

Da molti anni è amministratore della ONG Associazione Amici di Padre Mantovani AAPM. aapm.ch

La poesia:

Ul mercàa da Lügan

‘N duva l’è quel bel mercaa?

L’era chi, sü quescta piazza!

Chi ca l’è che l’ha spusctaa ?

Quai pulitich, da gran razza.

Da sicür con buoni intenti;

par lassà püssée da posct

al gran palco degli eventi.

Par i fesct da lüi e agosct!

Show, cun spot e altuparlant,

lüminari scperlüsent,

cun ul gezz e i so cantant,

fesct, cuncert, divertiment!

E ‘l mercàa, la tradizion?

L’ han scpusctat in Via Canova,

una növa übicazion.

Pal mument: solo per prova !

Par furtüna gh’è ancamò

i do fil da bancarell

e quaidün che vend dal so;

che par nüm l’è lì ‘l so bell.

Lard, lüganigh, salamin;

robb che fa la gent cuntenta.

L’övett fresch, ul furmagin

e la feta da pulenta.

Mangià san, da quel d’un temp

che fa ben e dà scperanza,

che ralenta ‘l muviment

del moderno che s’avanza.

A sem nüm cul cò d’argent

che gh’em sempar quel cioo fiss

da pensà che forse un temp

l’era püssée bel che adess.

Sciura Irene ‘n duva l’è ?

Cul scussaa e ‘l fulard in tescta

in via Nassa, lì dadré;

a incuntrala l’era fescta .

Roba fresca genüina:

insalata, erbett e i fiuu.

Cataa propi sctamatina

e ‘l sa sent fin chi l’uduu.

Quanti volt sü e giò da Brè

par i sciuri da Lügan.

La sua gerla sü dadré,

la fadiga ammò ‘n di man.

Quel tocch d’ort cüraa cun pena

e fadiga che ta lassa

quela cürva nala schena.

Maa da tera, sempar bassa.

Un banchett da puesia,

bancarela un puu butich:

fiuu, verdür e curtesia.

Na vedrina cun quel zich

da quel Munt purtaa in città

par la gent cun poch pretes,

par fagh viv e rescpirà

l’aria bona dal Paes.

Sciura Irene, sempar bela,

passa ‘l temp e passa i ann.

Pensi a lée ala bancarella

in Via Nassa chi a Lügan.

Vai al dossier FILMATI – Museo della Memoria

Archivio Museo della Memoria: MDM0321

Devi essere registrato in per poter aggiungere un commento
Non ci sono ancora commenti!
20 novembre 2020
46 visualizzazioni
0 likes
0 preferiti
0 commenti
2 dossier
00:02:21
La rete:
Sponsor:
5,876
1,964
© 2020 di FONSART. Tutti i diritti riservati. Sviluppato da High on Pixels.