Le informazioni di membri e visitatori sono analizzate in modo anonimo per fornire il miglior servizio possibile e rispondere a tutte le esigenze. Questo sito utilizza anche dei cookies, ad esempio per analizzare il traffico. Puoi specificare le condizioni di archiviazione e accesso ai cookies nel tuo browser. Per saperne di più.

Dai rintocchi di “genere” alle finestrelle per l’anima

Donato Brianza
LaRivista

Breve viaggio novembrino alla scoperta di alcuni riti funebri della nostra tradizione.

(…). Dapprima l’annuncio della morte che avveniva attraverso il suono delle campane, “i bott”. Ogni paese aveva il suo protocollo, che in parte è sopravissuto nonostante l’elettrificazione. A Golino si può ancora capire dal suono della campana se si tratta di un uomo che è spirato (9 rintocchi) o di una donna (7 rintocchi). Nei nostri paesi si suonava “a festa” per la morte di un bambino (l’“allegria”) perché si diceva che un “angioletto” era andato in cielo. In questo caso la bara era di colore bianco.

Importante nell’elaborazione del lutto il ricordo del defunto nel giorno settimo e trentesimo con le celebrazioni di Messe in suffragio. Queste tappe erano legate agli stadi della decomposizione del corpo, soprattutto in un tempo in cui la cremazione era riservata solo a chi manifestava la propria contrarietà alla fede cristiana. (…)

mdm.atte.ch/MDM0699-foto-1.jpg

Nelle case di Bosco Gurin (come in altri villaggi Walser) vi era una finestrella che veniva aperta solo per lasciar uscire l’anima dei morti.

Leggi l’articolo completo di Donato Brianza su LaRivista cliccando qua.

Vai al dossier “LaRivista” cliccando qua.

Vai al dossier LIBRI e ARTICOLI - Museo della Memoria cliccando qua.

Archivio Museo della Memoria: MDM0699

Devi essere registrato in per poter aggiungere un commento
Non ci sono ancora commenti!
20 novembre 2022
48 visualizzazioni
0 likes
0 preferiti
0 commenti
2 dossier
La rete:
Sponsor:
9,217
2,627
© 2022 di FONSART. Tutti i diritti riservati. Sviluppato da High on Pixels.