Le informazioni di membri e visitatori sono analizzate in modo anonimo per fornire il miglior servizio possibile e rispondere a tutte le esigenze. Questo sito utilizza anche dei cookies, ad esempio per analizzare il traffico. Puoi specificare le condizioni di archiviazione e accesso ai cookies nel tuo browser. Per saperne di più.

Strategicità di un ponte – il ponte di Castello

Guido Codoni
Rivista del Mendrisiotto

Guido Codoni in questo articolo ripercorre la storia dei ponti che collegavano e collegano le due sponde della Valle di Muggio.

Nel medioevo e fino all’epoca moderna i ponti che collegavano le sponde delle valli erano posizionate vicino al fondo valle, nei punti più stretti. Nel 1800 il Cantone Ticino, diventando proprietario delle strade, inizia a renderle tutte carrabili. Tra fine ‘800 e inizio ‘900 si cominciano a costruire nuovi ponti in ferro, così da unire i fianchi delle valli all’altezza dei villaggi. In Valle di Muggio dapprima si costruisce il ponte che attraversa la Valle della Crotta (1908) e poi tra Castello e Morbio Superiore (1913). Nel 1997, visto che il ponte in ferro non era più possibile rimodernarlo, fu smontato e sostituito da un ponte in cemento armato.

Clicca qui per leggere l’articolo di Guido Codoni pubblicato sulla Rivista del Mendrisiotto.

Vai al dossier LIBRI e ARTICOLI - Museo della Memoria cliccando qua.

Archivio Museo della Memoria: MDM0620

mdm.atte.ch/MDM0620-foto-1.jpg

Una cartolina della collezione Giuseppe Haug (Archivio Museo etnografico della Valle di Muggio).

mdm.atte.ch/MDM0620-foto-2.jpg

Il vecchio ponte in ferro.

mdm.atte.ch/MDM0620-foto-3.jpg

La corrosione degli elementi della piattabanda.

mdm.atte.ch/MDM0620-foto-4.jpg

Punt da Canaa.

mdm.atte.ch/MDM0620-foto-5.JPG

Il nuovo ponte

Devi essere registrato in per poter aggiungere un commento
Non ci sono ancora commenti!
15 febbraio 2022
144 visualizzazioni
0 likes
0 preferiti
0 commenti
1 dossier
La rete:
Sponsor:
8,636
2,514
© 2022 di FONSART. Tutti i diritti riservati. Sviluppato da High on Pixels.