Le informazioni di membri e visitatori sono analizzate in modo anonimo per fornire il miglior servizio possibile e rispondere a tutte le esigenze. Questo sito utilizza anche dei cookies, ad esempio per analizzare il traffico. Puoi specificare le condizioni di archiviazione e accesso ai cookies nel tuo browser. Per saperne di più.
È online la nuova piattaforma nazionale: historiaHelvetica.ch

Palazzo Pollini a Mendrisio negli anni Sessanta

31 gennaio 1963
RSI Radiotelevisione svizzera di lingua italiana

Nel programma televisivo «Tavolozza» curato da Sergio Genni e Aldo Patocchi, il 31 gennaio 1963, l’allora TSI mandò in onda questo incontro di Aldo Patocchi con lo storico Mario Medici e l’architetto Guido Borella. Al centro della conversazione, Palazzo Pollini, a Mendrisio. La regia era di Ugo Nespolo.

Costruito nel 1715-1720 su volere del conte Aurelio Niccolò Torriani (nato a Milano nel 1691 e morto nel 1723 a Mendrisio), Palazzo Pollini deve il suo nome a Gaetano Pollini, emigrato ticinese che si arricchì in Sardegna. Membro di una famiglia mendrisiense numerosissima e poverissima, si trasferì sull’isola ancora giovanissimo grazie all’invito del fratello maggiore Giovan Battista. Qui si diede da fare nel commercio di granaglie e divenne così abbiente da ricevere il titolo nobiliare di conte dal re di Sardegna. Tornò a Mendrisio nel 1791, all’età di 51 anni, e pochi mesi dopo acquistò l’edificio che da quel giorno ha preso il suo nome. Pollini è morto a Cagliari tra il 1820 e il 1828 e l’abitazione è rimasta nelle mani della sua famiglia sino al 1927, quando una discendente decise di vendere

Devi essere registrato in per poter aggiungere un commento
Non ci sono ancora commenti!
30 marzo 2021
252 visualizzazioni
0 likes
0 preferiti
0 commenti
0 dossier
00:18:52
Già 2,353 documenti associati a 1960 - 1969

Le nostre vite: un secolo di storia degli svizzeri attraverso le loro immagini

La rete:
Sponsor:
10,754
2,988
© 2024 di FONSART. Tutti i diritti riservati. Sviluppato da High on Pixels.