Le informazioni di membri e visitatori sono analizzate in modo anonimo per fornire il miglior servizio possibile e rispondere a tutte le esigenze. Questo sito utilizza anche dei cookies, ad esempio per analizzare il traffico. Puoi specificare le condizioni di archiviazione e accesso ai cookies nel tuo browser. Per saperne di più.

Percorsi dell’Ottocento: 12 — Il Confine Ticino-Grigioni

1 gennaio 2004
RSI Radiotelevisione svizzera di lingua italiana

A partire dal Medioevo, e fino all’inizio dell’Ottocento, il confine tra Ticino e Grigioni segnava l’appartenenza a due entità politiche nettamente distinte per condizioni politiche, economiche e sociali. Oggi, invece, la linea di frontiera tra i due Cantoni è difficilmente rintracciabile sul territorio a causa dell’espansione edilizia che ha praticamente fuso in un unico agglomerato il Comune ticinese di Lumino e Monticello, frazione di San Vittore, primo Comune grigionese della Mesolcina.

Dodicesimo episodio di una serie di quindici servizi dedicati all’Ottocento ticinese, questo servizio di Gianni Padlina, Patrizio Malaguerra e Mario Realini andò in onda il primo gennaio 2004 nel programma televisivo «Il Quotidiano». La serie era stata progettata per ricordare i duecento anni dall’Atto di Mediazione, cioè a dire la risoluzione con la quale Napoleone Bonaparte attribuì, il 19 febbraio 1803, alla Svizzera una nuova Costituzione di stampo maggiormente federalistico e dunque con maggiori poteri attribuiti ai Cantoni, occasionando in tal modo anche la nascita del Canton Ticino, assieme con Argovia, Turgovia, Vaud, San Gallo e Grigioni.

L’intervistato è lo storico Marco Marcacci.

Devi essere registrato in per poter aggiungere un commento
Non ci sono ancora commenti!
30 marzo 2021
55 visualizzazioni
0 likes
0 preferiti
0 commenti
0 dossier
00:06:13
Già 545 documenti associati a Prima 1900
La rete:
Sponsor:
7,754
2,286
© 2021 di FONSART. Tutti i diritti riservati. Sviluppato da High on Pixels.