Le informazioni di membri e visitatori sono analizzate in modo anonimo per fornire il miglior servizio possibile e rispondere a tutte le esigenze. Questo sito utilizza anche dei cookies, ad esempio per analizzare il traffico. Puoi specificare le condizioni di archiviazione e accesso ai cookies nel tuo browser. Per saperne di più.

Il colera nel ticino e a Biasca 1836

febbraio, 1981
Oliveto Rodoni
Atte-Museo della Memoria

Il colera compare nel Ticino nei primi mesi dell’anno 1836. In una circolare del 21 agosto 1836, recapitata a tutti i medici e chirurghi del cantone, si dice che

Quel morbo che insorto alle Indie, entrò nell’Asia, ed indi raggiunge la nostra Europa desolandone presso che tutte le diverse regioni, e che col nome di Cholera viene indicato, manifestossi sgraziatamente anche in alcuni paesi posti al confine del Cantone Ticino col regno Lombardo.

A Biasca il 2, il 3 e il 4 agosto c’è un’ispezione di Polizia locale nell’interno del Comune, seguita dal medico Delegato sig. Ferriroli. A ispezione conclusa si decidono i primi provvedimenti e le famiglie ricevono ordini e comandi precisi

Leggi l’articolo cliccando qua.

Vai al dossier “Il Biaschese” cliccando qua.

Archivio Museo della Memoria: MDM0524

Devi essere registrato in per poter aggiungere un commento
Non ci sono ancora commenti!
1 marzo 2021
27 visualizzazioni
0 likes
0 preferiti
0 commenti
1 dossier
Già 380 documenti associati a Prima 1900

Dossier:

La rete:
Sponsor:
6,806
2,107
© 2021 di FONSART. Tutti i diritti riservati. Sviluppato da High on Pixels.