Le informazioni di membri e visitatori sono analizzate in modo anonimo per fornire il miglior servizio possibile e rispondere a tutte le esigenze. Questo sito utilizza anche dei cookies, ad esempio per analizzare il traffico. Puoi specificare le condizioni di archiviazione e accesso ai cookies nel tuo browser. Per saperne di più.

Bixio Candolfi ricorda Aline Valangin

22 agosto 1985
RSI Radiotelevisione svizzera di lingua italiana

Nata a Vevey il 9 febbraio 1889 e morta ad Ascona il 7 agosto 1986, Aline Valangin è stata una scrittrice, pianista e psicanalista svizzera. Nel 1904 cominciò a studiare pianoforte presso il Conservatorio di Losanna. Dal 1915 lavorò come insegnante di pianoforte e traduttrice a Zurigo, dove fu allieva e paziente di Carl Gustav Jung e diventò psicoanalista. Con Vladimir Rosenbaum (1894-1984, avvocato e poi antiquario ebreo con cui fu sposata dal 1917 al 1940), offrì nella loro casa di vacanza a Comologno riparo temporaneo a esuli antifascisti, antinazisti, ebrei, scienziati, e artisti non convenzionali, come Ignazio Silone, Ernst Toller, Paul Klee, Thomas Mann, Max Ernst, Kurt Tucholsky, ecc. Nel 1954 si risposò con Vladimir Rudol’fovič Fogel’, un compositore svizzero di origine russa per parte paterna ed ebraico-tedesca per parte materna, interessato all’avanguardia musicale e alla musica dodecafonica.

Il Fondo Aline Valangin presso la Biblioteca cantonale di Lugano è curato da Diana Rüesch.

Questo servizio di Werner Weick andò in onda il 22 agosto 1985 nel programma televisivo «Il Quotidiano». Si tratta di Incontro con la scrittrice e decana delle analiste svizzere Aline Valangin, che racconta il suo trascorso con Wladimir Rosenbaum nella residenza di Comologno «La barca». Bixio Candolfi ricorda l’arrivo della scrittrice a Comologno.

Devi essere registrato in per poter aggiungere un commento
Non ci sono ancora commenti!
La rete:
Sponsor:
3,877
1,604
© 2019 di FONSART. Tutti i diritti riservati. Sviluppato da High on Pixels.