Le informazioni di membri e visitatori sono analizzate in modo anonimo per fornire il miglior servizio possibile e rispondere a tutte le esigenze. Questo sito utilizza anche dei cookies, ad esempio per analizzare il traffico. Puoi specificare le condizioni di archiviazione e accesso ai cookies nel tuo browser. Per saperne di più.
È online la nuova piattaforma nazionale: historiaHelvetica.ch
La professione nel campo del disegno edile

La professione nel campo del disegno edile

18 febbraio 2024
Alberto Gadoni

L'evoluzione della professione, in questo caso quella legata al disegno edile e architettonico, ha subito negli anni una radicale e sensibile evoluzione, sia nei metodi di insegnamento che per gli strumenti di lavoro.

Infatti, come si può ben notare nella foto del 1963, (in alto) siamo nello studio d'architettura Ceresola-Parietti- Ghirlanda a Lugano in Via Somaini 10, un "team" di lavoro, con al centro Claudio Gadoni, maestro di tirocinio con al suo fianco, credo un De Giorgi, concentrati su dei nuovi progetti , facendone partecipi i due apprendisti, un certo Moroni (dietro) e il sottoscritto, sulla destra. Oltre ai piani e ai modellini, sul tavolo vediamo pure: squadre e squadrante, curvilinei, compassi, spazzole, temperini , matite, pennini “rapidograf” colori e acquarelli, altri strumenti erano, le macchine da scrivere, le prime calcolatrici, il “regolo” calcolatore, le ciclostili e per le copie eliografiche, si faceva capo allo studio specializzato Bernasconi in via Dufour, che i primi tempi si affidava alla meteo favorevole e all'esposizione solare , esponendo all’esterno su un terrazzo, i piani lucidi su dei carrelli mobili e con carta sensibile, ergo, brutto tempo e nuvole, niente sole, niente copie.

Nella foto successiva, (in basso) sono trascorsi 25 anni, siamo nel 1988 nello studio d'architettura Giampiero Camponovo di Via Adamina a Breganzona, l'apprendista é diventato a sua volta maestro, ma gli strumenti di lavoro sono più o meno i medesimi, l'avvento del computer é di li a venire e in attesa dei "rendering", le presentazioni e i disegni tecnici e prospettici, venivano effettuati ancora manualmente, mentre le macchine fotocopiatrici ed eliografiche, facevano già parte delle dotazioni standard. Sullo sfondo possiamo intravvedere il modello di parte della facciata vetrata dello stabile della sede della Overland Trust Banca di Via S. Balestra 5 in centro a Lugano.

Devi essere registrato in per poter aggiungere un commento
Non ci sono ancora commenti!
Alberto Gadoni
106 contributi
25 maggio 2024
19 visualizzazioni
0 likes
0 preferiti
0 commenti
0 dossier
Già 2,390 documenti associati a 1960 - 1969

Le nostre vite: un secolo di storia degli svizzeri attraverso le loro immagini

La rete:
Sponsor:
11,215
3,083
© 2024 di FONSART. Tutti i diritti riservati. Sviluppato da High on Pixels.