Le informazioni di membri e visitatori sono analizzate in modo anonimo per fornire il miglior servizio possibile e rispondere a tutte le esigenze. Questo sito utilizza anche dei cookies, ad esempio per analizzare il traffico. Puoi specificare le condizioni di archiviazione e accesso ai cookies nel tuo browser. Per saperne di più.

La prima trasversale alpina

21 maggio 1984
RSI Radiotelevisione svizzera di lingua italiana

Nell'Ottocento, le ferrovie hanno rivoluzionato i trasporti e accompagnato l'avvento della civiltà industriale. Paese precocemente industrializzato, la Svizzera aveva accumulato a metà del secolo un notevole ritardo nella costruzione di linee ferroviarie. Lo Stato federale non ottiene i mezzi legali per promuovere una rete ferroviaria nazionale, cosicché la costruzione delle ferrovie è caratterizzata da rivalità regionali e calcoli speculativi.

La costruzione di una trasversale ferroviaria attraverso le Alpi, è pure oggetto di progetti concorrenti. I favori sembrano andare dapprima al traforo del Lucomagno, ritenuto tecnicamente più conveniente. Il Gottardo troverà però convincenti sostenitori per motivi geografici, strategici ed economici. Carlo Cattaneo difende con fervore la scelta gottardista: una "ferrovia delle genti" che avrebbe congiunto per la via più breve i centri industriosi del Sud e del Nord. Se il collegamento ferroviario è importante per far uscire il Ticino da un certo isolamento economico e politico, la sua realizzazione sarà però determinata soprattutto da strategie internazionali.

Gli interessi di Svizzera, Italia e Germania convergono sul tracciato del S. Gottardo. Nel 1872 inizia lo scavo della galleria tra Airolo e Göschenen. Difficoltà d'ogni genere, provocano ritardi e disavanzi e ciò contribuisce a rendere ancor più penose le già dure condizioni di vita e di lavoro sui cantieri, dove gli operai sono quasi tutti italiani.

Inaugurata nel 1882, la linea del Gottardo costituirà la spina dorsale delle vie di comunicazioni ticinesi. Ma la ferrovia non manterrà le promesse in essa riposte. I ticinesi erano stati scarsamente coinvolti nei lavori di costruzione e l'economia cantonale non ne trarrà tutti i benefici sperati: il transito attraverso il San Gottardo rispondeva ai bisogni del traffico europeo, più che alle necessità dello sviluppo regionale.

Indicizzazione delle sequenze:

Il secolo delle ferrovie (0'37''-4'08'')

La politica ferroviaria svizzera (4'09''-6'32'')

L'importanza di una trasversale alpina 6'33-12'10''

Il San Gottardo "ferrovia delle genti" (12'11''-16'09'')

Un progetto europeo (16'10''-20'37'')

Verso la realizzazione del traforo (20'38''-24'02'')

La condizione dei lavoratori sui cantieri (24'03''-30'05'')

Il Ticino nella rete ferroviaria (30'06''-36'30'')

Devi essere registrato in per poter aggiungere un commento
Non ci sono ancora commenti!
La rete:
Sponsor:
4,474
1,716
© 2020 di FONSART. Tutti i diritti riservati. Sviluppato da High on Pixels.