Le informazioni di membri e visitatori sono analizzate in modo anonimo per fornire il miglior servizio possibile e rispondere a tutte le esigenze. Questo sito utilizza anche dei cookies, ad esempio per analizzare il traffico. Puoi specificare le condizioni di archiviazione e accesso ai cookies nel tuo browser. Per saperne di più.
In evidenza
Mesocco, S.Maria del Castello – Graffiti storici da decifrare

Mesocco, S.Maria del Castello – Graffiti storici da decifrare

15 agosto 2022
Claudio Abächerli

La chiesa di Santa Maria del Castello di Mesocco è celebre per i suoi affreschi medievali che trovate in questo capitolo di dossier: lanostrastoria.ch/galleries/ca... e che sono stati ampiamente descritti dagli storici dell’arte. L’occhi attento però scoprirà che nelle cornici dei riquadri si trovano incise delle scritte, che se a prima vista potrebbero essere presi per i graffiti dei soliti vandali che imbrattano i monumenti, si rivelano però essere delle scritte risalenti a parecchi secoli fa.

L’immagine composta qui sopra ne mostra qualche esempio. Nota: la terza striscia in basso è la continuazione della seconda, quella di mezzo.

Nell prima striscia in alto v’è un testo in italiano di facile decifrazione:
“1549 la valle di Mesocho comprò la libertà da casa Trivulcio p(er) 2400 scuti. 1623 CAM”.
L’autore, molto probabilmente un membro della famiglia patrizia a Marca (forse Carlo, nome ricorrente nella famiglia), 74 anni dopo l’evento ricorda come la Mesolcina si sia riscattata da casa Trivulzio comprando la sua libertà per 2400 scudi.

Le altre due scritte, su due cornici parallele una rossa e l’altra nera (segmento mediano e inferiore) sono più antiche e in latino e queste purtroppo non riesco a decifrarle se non parzialmente all’inizio. La superiore dice “1481 die jovis (poi cancellato e sopra veneris) VIII februari homines (de?) Misocho et a Soaza…. “ Quindi nel 1481 il venerdì 8 Febbraio gli uomini di Mesocco e Soazza…

Sulla cornice nera sottostante si scorge “1503 in festo sancti barth(olomei) die 24 augusti ho(min?)es Misochi et Soa…

Nel 1503 il giorno di San Bartolomeo 24 agosto (ed è giusto) parobabilmente anche qui vi è qualcosa fra quelli di Mesocco e Soazza.

Si direbbe -ma è una mia interpretazione – che gli uomini di Mesocco e di Soazza si ritrovino a metà strada nella chiesa di S. Maria e lì decidano qualcosa o discutono una vertenza e ne mettono i termini o contratti incisi nella chiesa quasi a chiamare a testimone la Madonna. Ad ogni caso la scelta del luogo non è casuale.

Io penso -se non è già stato fatto, ma non ne sono a conoscenza – che gli storici ed esperti di scritture antiche dovrebbero prendersi la briga di chinarsi su questi graffiti e cercare di decifrarli per intero, in quanto sicuramente testimonianza di avvenimenti storici della valle Mersolcina.

Devi essere registrato in per poter aggiungere un commento
Claudio Abächerli
840 contributi
4 ottobre 2022
73 visualizzazioni
0 likes
0 preferiti
2 commenti
3 dossier
La rete:
Sponsor:
9,401
2,676
© 2023 di FONSART. Tutti i diritti riservati. Sviluppato da High on Pixels.