Le informazioni di membri e visitatori sono analizzate in modo anonimo per fornire il miglior servizio possibile e rispondere a tutte le esigenze. Questo sito utilizza anche dei cookies, ad esempio per analizzare il traffico. Puoi specificare le condizioni di archiviazione e accesso ai cookies nel tuo browser. Per saperne di più.
È online la nuova piattaforma nazionale: historiaHelvetica.ch

Lo zoccolaio: mani al servizio dei piedi

2012
Giorgio Donini
Atte-Museo della Memoria

L'articolo di Giorgio Donini è apparso il 19 luglio 2012 nel periodico Il Lavoro.

Nel ramo della calzatura, gli zoccoli sono stati classificati «calzatura dei poveri» vuoi per la loro diffusione nei bassi ceti, vuoi per il costo modesto. Alla fine dell’800 gli zoccolai presenti in Ticino lavoravano direttamente sul campo, ossia nei boschi.

Si trattava di un duro lavoro, faticoso e talvolta pericoloso. Gli alberi venivano abbattuti con la scure o con la sega dal manico ad arco. Si lavorava sempre, con il freddo e con il caldo. Eloquente la testimonianza di alcuni operai stabilitisi nei boschi tra Gudo e la foce del fiume Ticino alla fine dell’800: «lavoravamo a cottimo. Dormivamo nel capanno con il fuoco acceso e alimentato a turno. Per lavarsi si prendeva l’acqua alle Bolle o direttamente dal fiume Ticino.» (…)

Leggi l’articolo cliccando qua.

Vai al dossier MESTIERI - Museo della Memoria cliccando qua

Archivio Museo della Memoria: MDM0199

FOTO

mdm.atte.ch/MDM0199-foto-1.jpg

mdm.atte.ch/MDM0199-foto-2.jpg

mdm.atte.ch/MDM0199-foto-3.jpg

mdm.atte.ch/MDM0199-foto-4.jpg

mdm.atte.ch/MDM0199-foto-5.jpg

mdm.atte.ch/MDM0199-foto-6.jpg

Devi essere registrato in per poter aggiungere un commento
Non ci sono ancora commenti!
29 aprile 2021
154 visualizzazioni
1 like
0 preferiti
0 commenti
1 dossier

Le nostre vite: un secolo di storia degli svizzeri attraverso le loro immagini

La rete:
Sponsor:
11,106
3,069
© 2024 di FONSART. Tutti i diritti riservati. Sviluppato da High on Pixels.