Le informazioni di membri e visitatori sono analizzate in modo anonimo per fornire il miglior servizio possibile e rispondere a tutte le esigenze. Questo sito utilizza anche dei cookies, ad esempio per analizzare il traffico. Puoi specificare le condizioni di archiviazione e accesso ai cookies nel tuo browser. Per saperne di più.

Il Monte Generoso fa visita agli anziani

2020
Stefano Mosimann , Giosanna Crivelli
Atte-Museo della Memoria

Filmato di Stefano Mosimann ed impreziosito dalle fotografie di Giosanna Crivelli e dalle poesie dialettali di Pino Bernasconi (1904-1983), lette e commentate fuori campo dal figlio avv. Paolo Bernasconi.

Se gli anziani non possono andare sul Monte Generoso, sarà il Monte Generoso ad andare dagli anziani.

In un momento così difficile e particolare occorre sfruttare tutti i mezzi che abbiamo a disposizione per portare qualcosa di bello nelle case degli anziani e non solo. Il filmato di Stefano Mosimann, è infatti in grado di arrivare al cuore dei nostri pensionati così come di raccontare qualcosa della nostra storia alle nuove generazioni.

Il progetto nasce dal desiderio di offrire agli ospiti delle Case di riposo e a tutti gli anziani della Svizzera italiana, messi alla prova dalle difficoltà generate dalla pandemia di Covid-19, un’occasione di svago e qualche momento di pace e conforto derivata da parole e immagini che parlano del loro paese e della loro giovinezza.

L’iniziativa è sostenuta dall**’Associazione Ticinese Terza Età**, unitamente all’Associazione REC, con la collaborazione dell’avvocato Paolo Bernasconi – che ha lanciato l’idea – e dell’editore Giampiero Casagrande.

Il filmato alterna alle immagini girate da Stefano Mosimann sul Monte Generoso a fine inverno, le fotografie di Giosanna Crivelli, il tutto accompagnato dalle poesie dialettali di Pino Bernasconi (1904 – 1983) lette e commentate fuori campo dal figlio avv. Paolo Bernasconi.

I testi citati nel video sono tratti dal volume Pino Bernasconi, Il Monte Generoso. Poesie, con fotografie di Giosanna Crivelli, Lugano, Giampiero Casagrande, 2013.

BIOGRAFIA di PINO BERNASCONI curata da Andrea Ghiringhelli

Pino Bernasconi nacque il 22 aprile 1904 a Riva San Vitale e morì il 22 aprile 1983 a Lugano. Figlio di Abbondio, impresario. Coniugato con Maria Olga Torriani. Dopo gli studi ginnasiali e liceali a Lugano, conseguì la laurea in legge a Roma, dove entrò in contatto con molti esponenti di primo piano del mondo culturale e letterario italiano. Avvocato e notaio a Lugano, si distinse come eloquente penalista. Fu Giudice dei minorenni e Direttore del penitenziario cantonale tra il 1936 e il 1946). Durante la guerra aiutò diversi rifugiati italiani e fu presidente dell'Associazione pro rifugiati politici. Liberale moderato, coniugò l'intenso impegno politico-civile con l'amore per la cultura. Fondò la Società mazziniana ticinese e promosse varie iniziative letterarie; negli anni '40 si fece editore della Collana di Lugano, dove pubblicò, tra le altre cose, poesie di Eugenio Montale e Umberto Saba. Fu pure autore di apprezzati lavori di poesia dialettale che gli valsero il premio Schiller per la prosa e la poesia. Direttore di Gazzetta Ticinese (1954-68) e collaboratore de Il Dovere, fu deputato liberale radicale in Gran Consiglio dal 1951 al 1967.

Vedi anche "L’Anima dal Generús" cliccando qua

Torna al dossier FILMATI – Museo della Memoria cliccando qua.

Archivio Museo della Memoria: MDM0482

Devi essere registrato in per poter aggiungere un commento
Non ci sono ancora commenti!
31 ottobre 2020
64 visualizzazioni
0 likes
0 preferiti
0 commenti
1 dossier
00:41:10
Già 1,065 documenti associati a Dopo 2000

Dossier:

La rete:
Sponsor:
5,876
1,964
© 2020 di FONSART. Tutti i diritti riservati. Sviluppato da High on Pixels.