Le informazioni di membri e visitatori sono analizzate in modo anonimo per fornire il miglior servizio possibile e rispondere a tutte le esigenze. Questo sito utilizza anche dei cookies, ad esempio per analizzare il traffico. Puoi specificare le condizioni di archiviazione e accesso ai cookies nel tuo browser. Per saperne di più.
In evidenza

La lunga estate di Hermann Hesse

2 novembre 1987
RSI Radiotelevisione svizzera di lingua

Il 9 agosto 1962 moriva a Montagnola - nella Casa Camuzzi, in cui si era stabilito nel maggio 1919 - Hermann Hesse, uno dei maggiori scrittori del ventesimo secolo. Venticinque anni dopo, la Televisione della Svizzera italiana dedicò all'illustre ospite del Ticino il documentario «La lunga estate di Hermann Hesse», realizzato da Werner Weick e programmato dalla trasmissione televisiva «Nautilus» lunedì 2 novembre 1987.

Il suggestivo titolo richiama quello di una delle raccolte più note dell'autore, «L'ultima estate di Klingsor», in cui l'ambiente naturale e umano del Ticino costituisce ben più di una semplice cornice paesaggistica ai racconti.

In Svizzera Hesse si trasferisce nel 1 912; a Montagnola, come detto, sette anni dopo. Si lascia alle spalle un periodo delicato, in cui la malattia nervosa della moglie e la conseguente separazione hanno intaccato gravemente il suo equilibrio psicofisico. Lo scrittore ha 42 anni, ha viaggiato molto (Italia, India), si è sottoposto a cure psicoanalitiche presso un allievo di Jung, e non dispone di grandi risorse finanziarie. La ritirata vita di Montagnola segna per Hesse una sorta di rinascita sia personale che creativa: egli si dedica con sempre maggior interesse alla pittura, una forma espressiva cui avrebbe attribuito anche in seguito un'importanza notevolissima.

Il documentario di Weick, che ha richiesto mesi e mesi di attenta preparazione e studio, ripercorre - con immagini spesso molto suggestive e basandosi in massima parte su scritti dell'autore gli anni montagnolesi di Hesse. Quarantatré anni durante i quali egli ha pubblicato le sue opere più celebri, da «Siddharta» (1921) a «Narciso e Boccadoro» (1930), a «Il giuoco delle perle di vetro» (1943), alla raccolta completa dei suoi scritti in sette volumi (1957). Grazie alla presenza di Hesse, Montagnola ha il privilegio di ospitare alcuni fra i massimi letterati ed artisti del Novecento. Tutto ciò viene ricordato nel corso del documentario che, tuttavia, non privilegia gli aspetti esteriori della vita del protagonista: Weick ha voluto invece concentrare la propria attenzione sull'anima dello scrittore, convinto del fatto che le esperienze esterne non siano mai state per lui essenziali, a che lo furono solo in quanto coincidevano con talune fasi della sua evoluzione interiore. Lo stile del programma riflette dunque il carattere introverso del protagonista. Le interviste si limitano alla cerchia familiare e agli amici più intimi; sono stati interpellati, fra gli altri, i due figli, l'editore tedesco che ha pubblicato Hesse e che su di lui aveva scritto la propria tesi di laurea, il medico ticinese che lo ha avuto in cura negli ultimi anni.

Guida spirituale per milioni di lettori, Hesse costituisce anche oggigiorno uno degli autori più seguiti specie dai più giovani, che sembrano trovarvi, in periodi difficili, un appiglio a un rifugio. Per Werner Weick «Hesse rimase sempre un solitario in cammino verso sé stesso, un pellegrino che narra la sua storia ammonendo che siamo tutti pellegrini e che non c'è alcun maestro né alcun allievo».

Con Werner Weick, alla realizzazione di questo documentario, hanno collaborato: Luciano Paltenghi per la fotografia, Luca Maccanetti per il suono, Graziano Monzeglio alla sonorizzazione e Gaby Weick al montaggio.

Versione in lingua inglese

Devi essere registrato in per poter aggiungere un commento
Non ci sono ancora commenti!
14 marzo 2019
182 visualizzazioni
0 likes
0 commenti
0 dossier
00:52:26
Già 189 documenti associati a 1980 - 1989
La rete:
Sponsor:
3,049
1,520
© 2019 di FONSART. Tutti i diritti riservati. Sviluppato da High on Pixels.