Le informazioni di membri e visitatori sono analizzate in modo anonimo per fornire il miglior servizio possibile e rispondere a tutte le esigenze. Questo sito utilizza anche dei cookies, ad esempio per analizzare il traffico. Puoi specificare le condizioni di archiviazione e accesso ai cookies nel tuo browser. Per saperne di più.
Eva Antonini "Disperazione", grès, 46 x 18 x 28 cm,  Balerna, Collezione d’arte del Comune

Eva Antonini "Disperazione", grès, 46 x 18 x 28 cm,  Balerna, Collezione d’arte del Comune

2011
Dicastero Cultura Balerna

Eva Antonini

Nelle vite degli artisti, a colpire non sono solo i grandi gesti, ma a volte anche i piccoli dati biografici, che incredibilmente finiscono con avere un’influenza sulla vita intera. La scultrice Eva Antonini è nata a Rapperswil nel 1961 e, dopo alcuni anni trascorsi a Ginevra e viaggi di formazione in molti luoghi del mondo, dal 1985 vive stabilmente in Canton Ticino. Della sua infanzia racconta un aneddoto: “Da bambina giocavo spesso nelle vicinanze di una collina di argilla rossa: immagino che le sensazioni al tatto dell’argilla siano ancora rimaste impresse nella mia memoria. Plasmare e trasformare il materiale con le mani mi ha dunque sempre affascinata”. A questa prima esperienza, divisa fra ricordo e gioco, si uniscono gli insegnamenti artistici del padre, uomo dotato di grande manualità e talento. Nel corso degli anni segue corsi di specializzazione e frequenta gli studi di Oreste e Antonio Quattrini, Giorgio Eros Morandini, Giovanni Cimatti e Ettore Greco. Parallelamente, il percorso di Eva Antonini è segnato dall’interesse per la figura umana e per la materia: creta, gesso, alabastro e marmo, tutti materiali che l’affascinano e la portano a superare nuove sfide fra ricerca esperimentazione. Il suo curriculum espositivo vanta personali e collettive in Svizzera, Italia, Austria, Spagna, Francia e Stati Uniti.

Alla Sala del Torchio a Balerna la scultrice porta nel 2011 la personale Terra e altrove, una mostra che raccoglie 23 sculture in terracotta, torsi maschili e femminili, volti, brani di figure avvolte in fasce. La frammentarietà come cifra, l’incompiutezza come essenza di un percorso al contempo umano e spirituale.In questo ambito si inserisce l’opera Onda, vigoroso torso visto di spalle che riporta ad un antico alfabeto. Nulla sappiamo di questa figura: non l’origine, non il viaggio, non la destinazione. E in questa assenza di informazioni, non possiamo che rimanere stupefatti di fronte al mistero del cammino dell’uomo, per tutti uguale, per tutti diverso.

eva-antonini.com

instagram.com/evaantoninisculp...

Devi essere registrato in per poter aggiungere un commento
Non ci sono ancora commenti!
10 marzo 2021
51 visualizzazioni
0 likes
0 preferiti
0 commenti
0 dossier
Già 1,603 documenti associati a Dopo 2000
La rete:
Sponsor:
8,825
2,548
© 2022 di FONSART. Tutti i diritti riservati. Sviluppato da High on Pixels.