Le informazioni di membri e visitatori sono analizzate in modo anonimo per fornire il miglior servizio possibile e rispondere a tutte le esigenze. Questo sito utilizza anche dei cookies, ad esempio per analizzare il traffico. Puoi specificare le condizioni di archiviazione e accesso ai cookies nel tuo browser. Per saperne di più.

Percorsi dell’Ottocento: 5 — La Ferrovia. Seconda parte

1 gennaio 2004
RSI Radiotelevisione svizzera di lingua italiana

Quinto episodio di una serie di quindici dedicati all’Ottocento ticinese, questo servizio di Gianni Padlina, Patrizio Malaguerra e Mario Realini andò in onda il primo gennaio 2004 nel programma televisivo «Il Quotidiano» ed è la seconda parte delle due dedicate alla ferrovia in Ticino.

Il contesto storico generale nel quale fu progettata la Ferrovia del Gottardo è descritto da Peter Bärtschi e da Anne-Marie Dubler alla voce «Ferrovie» del «Dizionario Storico della Svizzera», ak paragrafo dedicato alle linee alpine, dove si legge:

Negli anni 1870-80 non esistevano ancora collegamenti nord-sud con l’Italia. Le linee ferroviarie si arrestavano ai piedi delle Alpi: a Coira dal 1858 (Ferrovie svizzere unite), a Lucerna e a Thun dal 1859 (Ferrovia centrale), a Briga dal 1878 (futura Svizzera occidentale-Sempione, divenuta Giura-Sempione nel 1891). Compagnie e regioni economiche svizzere si batterono per i diversi progetti di trasversale alpina svizzera via Lucomagno, Spluga, San Gottardo o Sempione; a questa lotta parteciparono anche i Paesi confinanti (Germania, Italia e Francia), ciascuno interessato alla variante ritenuta più vantaggiosa. L’esistenza a est della ferrovia del Brennero (1860-64) e a ovest di quella del Moncenisio (1857-71) spinse nel 1869 i partner contrattuali svizzeri, tedeschi e italiani a scegliere il tracciato attraverso il San Gottardo, che nonostante difficoltà finanziarie fu inaugurato nel 1882.

Sul modo in cui la stampa del tempo descrisse l’avventura nazionale della Ferrovia del Gottardo è utile consultare il dossier «Il San Gottardo nei giornali e nelle riviste» compilato dalla Biblioteca nazionale svizzera. Abbraccia più di un secolo di storia, fornendo un ricco corredo di fonti e riferimenti bibliografici.

In questo secondo episodio dedicato alla Ferrovia del Gottardo, il sindacalista Gabriele Chiesi ricorda che la Gotthardbahn (la ferrovia che attraversava da Nord a Sud il Ticino), non solo permise l’apertura del Cantone ai traffici internazionali, ma creò una vera e propria nuova figura professionale, quella del ferroviere.

Devi essere registrato in per poter aggiungere un commento
Non ci sono ancora commenti!
12 aprile 2021
88 visualizzazioni
0 likes
0 preferiti
0 commenti
0 dossier
00:05:42
Già 546 documenti associati a Prima 1900
La rete:
Sponsor:
7,770
2,290
© 2021 di FONSART. Tutti i diritti riservati. Sviluppato da High on Pixels.