Le informazioni di membri e visitatori sono analizzate in modo anonimo per fornire il miglior servizio possibile e rispondere a tutte le esigenze. Questo sito utilizza anche dei cookies, ad esempio per analizzare il traffico. Puoi specificare le condizioni di archiviazione e accesso ai cookies nel tuo browser. Per saperne di più.

Ernst Bloch

2016
Katia Piccinelli
Katia Piccinelli

SIN DALL’INFANZIA, HO SENTITO IL FASCINO DELLA NATURA E SOPRATTUTTO DELLA MONTAGNA. L’AMORE PER SE STESSA, PER LA SUA SELVAGGIA GRANDEZZA, PER IL SUO MISTERO.

Ernest Bloch è stato tra i maggiori compositori e violinisti svizzeri. Compie la sua formazione a Bruxelles, Parigi e Monaco, per emigrare nel 1916 negli Stati Uniti. Qui insegna musica in diverse scuole tra New York e Cleveland e nel 1925 diventa direttore del Conservatorio di San Francisco. Il modello di vita americano è poco conciliabile con il suo e nel 1930 torna in Europa. A Roveredo trascorre tre anni creativamente molto fertili in cui compone la sua opera forse più signi cativa: il servizio sacro ebraico, l’Avodath Hakodesh. Della sua passione per le passeggiate e per la natura abbiamo testimonianza grazie alle numerose fotografie da lui stesso scattate in Capriasca: in particolare gli alberi e la loro foggia gli ispirano un’inte- ressante serie di scatti, a ognuno dei quali attribuisce il nome di un compositore. Conclusasi la mostra dedicata a Bloch a Villa Saroli, a cura di Carlo Piccardi, nel 2009 l’ACVC ha ricevuto in dono dall’Associazione Ricerche Musicali nella Svizzera italiana un importante fondo di 61 fotogra e che documenta il suo passaggio in questi luoghi e il suo amore per la regione.

“La montagna non rappresenta per me un pretesto per gli esercizi fisici o acrobatici e neppure la gioia del “pique-nique”: non la vedo né da un punto di vista gastronomico, né da un punto di vista muscolare o sportivo. Io l’amo per se stessa, per la sua selvaggia grandezza, per il suo mistero, per le sue vaste idee che evoca e che desta in me, quando sono in comunione con essa. Amo le genti che vi dimorano. (…) Quando avrà perduto il culto fetici a delle macchine, del lusso inutile e insipido, del cosidde o “progresso” che attualmente lo schiaccia e lo divora, l’uomo si volgerà nuovamente verso la terra, ritroverà la sua armonia perduta, la sua salute: ridiventerà un uomo normale”.

mdm.atte.ch/MDM0379-foto-40.pn...

Ernest Bloch

mdm.atte.ch/MDM0379-foto-41.pn...

Ernest Bloch

“Fa lunghe passeggiate sui colli e sui monti, parla coi pastori solitari e saggi, ascolta la voce immensa della natura. Inoltre si dedica a una occupazione che predilige: la fotografia. Bloch ama ritrarre i paesaggi, che hanno parlato alla sua immaginazione, al suo cuore. Ma, soprattutto, si compiace di fermare sulle lastre nitide e fedeli i suoi grandi amici: gli alberi”. (Mary Tibaldi Chiesa).

mdm.atte.ch/MDM0379-foto-42.pn...

Fotografie di Ernst Bloch

mdm.atte.ch/MDM0379-foto-43.pn...

Fotografie di Ernst Bloch

Curatrice della mostra: Katia Piccinelli

Illustrazioni, tutto parla di te

mdm.atte.ch/MDM0379-foto-1.png

mdm.atte.ch/MDM0379-foto-2.png

mdm.atte.ch/MDM0379-foto-3.png

mdm.atte.ch/MDM0379-foto-4.png

Vai al dossier TUTTO PARLA DI TE cliccando qua.

Vai al dossier APPROFONDIMENTI - Museo della Memoria cliccando qua.

Archivio Museo della Memoria: MDM0379

Devi essere registrato in per poter aggiungere un commento
Non ci sono ancora commenti!
12 settembre 2021
9 visualizzazioni
0 likes
0 preferiti
0 commenti
1 dossier
Già 489 documenti associati a 1910 - 1919

In questo documento:

Ernst Bloch

Dossier:

La rete:
Sponsor:
7,566
2,228
© 2021 di FONSART. Tutti i diritti riservati. Sviluppato da High on Pixels.