Le informazioni di membri e visitatori sono analizzate in modo anonimo per fornire il miglior servizio possibile e rispondere a tutte le esigenze. Questo sito utilizza anche dei cookies, ad esempio per analizzare il traffico. Puoi specificare le condizioni di archiviazione e accesso ai cookies nel tuo browser. Per saperne di più.

A Faido pulsa il Convento

22 aprile 2014
Sara Rossi
Azione

UNA GIORNATA NELL’ORTO DEI FRATI FRANCESCANI, MANGIANDO ALLA LORO TAVOLA, VISITANDO LA BIBLIOTECA, L’OSTELLO E ASSISTENDO A UN DOPOSCUOLA ALL’APERTO.

A Faido ci sono case bellissime. Si arriva in treno e si esce su un viale di platani bordato di case ottocentesche, quasi parigine. Qualche cosa però stride: i grandi alberghi ¬n de siècle sono tristemente chiusi. In una giornata di primavera come questa danno l’idea di vacanza, ma in un’epoca passata. Le montagne intorno, però, sono ben reali e ben reale è il verde che le avvolge e il bianco dei ciliegi. Le cime sono ancora innevate.

Il Convento dei Frati si trova all’altro capo del paese, così attraversiamo il borgo, dove incontriamo altri magnifici palazzi e giardini: balconcini liberty con la ringhiera un po’ bombata accanto alle vecchie case di tradizionale architettura leventinese, in legno scuro col tetto a punta. In paese ci sono caffè, una biblioteca, negozi, il grande ospedale con la casa per anziani, strade, piazze e vicoli. Sembra un bel posto dove vivere. (…)

Clicca qua per leggere l'articolo

Archivio Museo della Memoria: MDM0064

Devi essere registrato in per poter aggiungere un commento
Non ci sono ancora commenti!
29 settembre 2020
96 visualizzazioni
0 likes
0 preferiti
0 commenti
1 dossier
La rete:
Sponsor:
9,231
2,629
© 2022 di FONSART. Tutti i diritti riservati. Sviluppato da High on Pixels.