Le informazioni di membri e visitatori sono analizzate in modo anonimo per fornire il miglior servizio possibile e rispondere a tutte le esigenze. Questo sito utilizza anche dei cookies, ad esempio per analizzare il traffico. Puoi specificare le condizioni di archiviazione e accesso ai cookies nel tuo browser. Per saperne di più.

Dal cervello elettronico all'informatica per tutti

7 febbraio 1984
RSI Radiotelevisione svizzera di lingua italiana

Nel corso degli anni sessanta del XX secolo, grosse aziende, organizzazioni ed enti pubblici si erano dotati di centri per l'elaborazione meccanografica e poi elettronica dei dati, preludio all'avvento massiccio dell'informatica e dei computer in vasti settori della società. Nel corso degli anni settanta, i rapidi progressi della microelettronica (circuiti integrati e microprocessori) hanno consentito la generalizzazione di apparecchiature informatiche sempre più sofisticate e sempre meno ingombranti. Il decennio seguente conoscerà una rapida diffusione dei personal computer. La macchina per scrivere scompare dalle scrivanie, soppiantata da PC o da terminali video. La diffusione capillare dell'informatica nei processi lavorativi, nel divertimento e nelle comunicazioni, incide profondamente sulle mentalità e sull'organizzazione della vita quotidiana. L'informatica e le sue applicazioni rendono superflue diverse mansioni e desuete molte competenze lavorative, creando nello stesso tempo nuove professioni e possibilità d'impiego.

A causa di questi mutamenti radicali e accelerati, il mondo della scuola e della formazione professionale è confrontato con una doppia esigenza: formare gli informatici e gli ingegneri elettronici, nonché insegnare agli allievi l'informatica e l'uso del computer. La rivoluzione informatica nell'insegnamento, che molti specialisti considerano già tardiva nel nostro paese, parte dall'alto e si estende rapidamente agli altri ordini di scuola. Le scuole politecniche federali avevano creato nel 1980 una sezione di informatica. Dopo alcune esperienze pionieristiche avvenute qualche anno prima, il Cantone Ticino decide di generalizzare l'informatica nelle scuole medie superiori dal 1984, mentre altlrove già se ne sperimenta l'introduzione nelle scuole elementari.

Indicizzazione delle sequenze:

0'01''-4'02'' La rivoluzione informatica

4'03''-8'27'' Formare gli informatici

8'28''-14'50'' Il ritardo della scuola di fronte alla rivoluzione tecnologica

14'51''-20'25'' L'informatica nelle scuole ticinesi

20'26''-24'38 Il bambino e il computer: imparare divertentosi

Questo servizio di Loris Fedele andò in onda il 7 febbraio 1984 nella trasmissione "Orsa maggiore". Ne è argomento l'informatica, che si stava diffondendo rapidamente in ogni attività, per cui la scuola dovette aggiornarsi. Il 23.01.1984, il Gran Consiglio Ticinese voto un credito di 1.5 milioni di franchi per fornire ai licei e ad alcune scuole medie superiori un sistema informatico dotato di computer. Parlano: J.Nievergelt: professore informatica ETH; R.Morel: presidente gruppo svizzero per il coordinamento dell'informatica nell'insegnamento secondario; G.Mainini: ginnasio S.Giuseppe, Lugano.

Devi essere registrato in per poter aggiungere un commento
Non ci sono ancora commenti!
La rete:
Sponsor:
3,884
1,609
© 2019 di FONSART. Tutti i diritti riservati. Sviluppato da High on Pixels.