Le informazioni di membri e visitatori sono analizzate in modo anonimo per fornire il miglior servizio possibile e rispondere a tutte le esigenze. Questo sito utilizza anche dei cookies, ad esempio per analizzare il traffico. Puoi specificare le condizioni di archiviazione e accesso ai cookies nel tuo browser. Per saperne di più.

Giuseppe Motta

2018
Danilo Mazzarello
Atte-Museo della Memoria

L'articolo, a cura di Danilo Mazzarello, è apparso nel marzo 2018 su La Turrita.

Dal 1848 a oggi la Svizzera ha avuto otto consiglieri federali ticinesi. Quattro di loro, un numero sorprendentemente alto, erano leventinesi: Stefano Franscini (Bodio), Giuseppe Motta (Airolo), Enrico Celio (Ambrì) e Nello Celio (Quinto).

Giuseppe Severino Davide Motta nasce ad Airolo il 29 dicembre 1871, figlio secondogenito di Sigismondo, albergatore, e di Paolina, nata Dazzoni, originaria di Faido e sorella di Giovanni, consigliere nazionale. Giuseppe ha tre fratelli e tre sorelle, Camilla, Adele, Paolo, Riccardo,

Augusto e Maria. La famiglia si occupa dei trasporti postali tra Faido e l’ospizio del Gottardo e dirige l’Hotêl de la Poste ad Airolo. La loro casa è «una specie di arca di Noè… [che ospita] fino a cento cavalli, postiglioni, carradori, stallieri, un fabbro, un sellaio, un mugnaio»1 in un continuo alternarsi di forestieri d’ogni lingua e Paese.

Autore articolo: Danilo Mazzarello

Leggi l’articolo cliccando qua.

Vai al dossier LIBRI e ARTICOLI - Museo della Memoria cliccando qua.

Archivio Museo della Memoria: MDM0345

Foto:

mdm.atte.ch/MDM0345-foto-1.jpg

Giuseppe MOtta

mdm.atte.ch/MDM0345-foto-2.jpg

Airolo. La casa natale di Giuseppe Motta.

mdm.atte.ch/MDM0345-foto-3.jpg

Giuseppe Motta con la madre, le sorelle e i fratelli nel 1890. Da sinistra, in piedi, Adele, Giuseppe e Camilla. Seduti, Maria, la madre Paolina, Augusto e Riccardo. Da Vita e opere di Giuseppe Motta, Elvetica, Chiasso, 1971.

mdm.atte.ch/MDM0345-foto-4.jpg

Giuseppe Motta, tenente di fanteria. Da Giuseppe Motta. Dreissig Jahre eidgenössische Politik, di J. R. Von Salis, Orell Füssli Verlag, Zurigo, 1941.

mdm.atte.ch/MDM0345-foto-5.jpg

Lettera di Giuseppe Motta al Consiglio di Stato ticinese, inviata da Berna il 19 dicembre 1914. Archivio di Stato, Bellinzona, Fondo Diversi, 1395, Motta.

mdm.atte.ch/MDM0345-foto-6.jpg

Frontespizio del libro Testimonia Temporum, serie terza, 1936-1940, antologia di discorsi e scritti di Giuseppe Motta.

Devi essere registrato in per poter aggiungere un commento
Non ci sono ancora commenti!
23 maggio 2021
98 visualizzazioni
0 likes
0 preferiti
0 commenti
1 dossier
La rete:
Sponsor:
8,826
2,548
© 2022 di FONSART. Tutti i diritti riservati. Sviluppato da High on Pixels.