Le informazioni di membri e visitatori sono analizzate in modo anonimo per fornire il miglior servizio possibile e rispondere a tutte le esigenze. Questo sito utilizza anche dei cookies, ad esempio per analizzare il traffico. Puoi specificare le condizioni di archiviazione e accesso ai cookies nel tuo browser. Per saperne di più.
In evidenza
L'imponenza della leggerezza: Val Calneggia a Pontito.

L'imponenza della leggerezza: Val Calneggia a Pontito.

1932
Rolando Dadò

Il vecchio manufatto, che ancora oggi esiste, permette di attraversare il torrente che, dalla Val Calneggia, formerà poco più a valle la cascata della Froda a Foroglio. Da osservare la costruzione rustica in stile romanico a forma d'arco e che permette alle pesanti pietre giustapposte di creare una solida struttura senza cemento o ferro di sostegno. Quasi con riverenza e con timidezza sono state aggiunte delle leggere e rozze sponde in legno a protezione del passante. Oggi la sponda è stata sostituita con un elegante e fine costruzione in ferro battuto nel rispetto dell'oggetto storico e certo per maggior sicurezza.

Devi essere registrato in per poter aggiungere un commento
  • Claudio Abächerli

    Interessante vedere come questo magnifico ponticello (= puntit) dia il nome a quest’alpe - che per chi non la trovasse, si trova poco sopra la celebre cascata di Foroglio. Già nel 1866 sull’Atlante Dufour troviamo 'Puntido' nome che rimane almeno fino al 1930. Sulla Carta Siegfried del 1932 troviamo 'Pontito', la grafia usata qui, che negli anni 50 diviene 'Pontit' e negli anni 70 'Puntid'. La denominazione sulla CN attuale è 'Puntid' per l’alpe sulla sponda sinistra e (ovviamente) 'Puntìd di là' per l’alpe sulla sponda destra. Perché un nome sia scritto senza accento sulla i e l’altro con l’accento grave, non lo so. Immagino una svista del Servizio Topografico… Wabern, mi sentite?

    • Rolando Dadò

      Caro Claudio. Posseggo la carta topografica edita da Eidgenössiche Landestopographie del 1927 dove si porta il nome Pontito. Si tratta di un A4 e potrei pubblicarla per una maggior verifica, ma non so come fare ad aggiungere alla presente pagina un'ulteriore foto. Se mi indichi come fare la pubblicherò ancora qui. Altrimenti domani la trovi sul nuovo contributo. Simpaticamente ciao.

    • Claudio Abächerli

      Caro Rolando, io non metterei la cartina del '27 in quanto tutte le vecchie cartine sono facilmente accessibili sul sito map.geo.admin.ch cliccando sulla casella "Viaggio nel tempo", sarebbe quindi fatica sprecata. Per aggiungere una foto alla una pagina (nei commenti) la cosa é un po' macchinosa. Carica la foto che ti serve come un documento normale senza preoccuparti di riempire la parte dei commenti ecc, devi solo riempire la pare dei diritti. Prima di premere "Salva" nella casella "qual'è lo status di questa foto" invece che "Pubblicato" cambia su "Da conservare nelle bozze" , poi salva. Adesso vai nelle tue bozze (che trovi nella pagina del tuo profilo) e apri la foto in questione. Clicca col tasto DESTRO del topo sull'immagine. Si apre un menu: scegli il punto che corrisponde al mio in tedesco "Grafikadresse kopieren" (penso "copiare l'indirizzo dell'immagine" o simili) . A questo punto il (lungo) indirizzo dell'immagine è salvato nella memoria intermedia. Inizia un commento, con o senza testo e su un nuova riga inserisci con la funzione di inserimento (o Ctrl+V) l'indirizzo che era stato salvato. Pubblica il tuo commento e se hai fatto tutto giusto vedrai l'immagine apparire (dopo aver chiuso e riaperto il tuo contributo). Come ben diceva un mio professore di matematica: "perchè fare le cose semplci quando le si possono fare complicate?" Buon divertimento!

Rolando Dadò
181 contributi
15 giugno 2022
32 visualizzazioni
2 likes
0 preferiti
3 commenti
0 dossier
Già 1,135 documenti associati a 1930 - 1939
La rete:
Sponsor:
8,997
2,574
© 2022 di FONSART. Tutti i diritti riservati. Sviluppato da High on Pixels.