Le informazioni di membri e visitatori sono analizzate in modo anonimo per fornire il miglior servizio possibile e rispondere a tutte le esigenze. Questo sito utilizza anche dei cookies, ad esempio per analizzare il traffico. Puoi specificare le condizioni di archiviazione e accesso ai cookies nel tuo browser. Per saperne di più.

Al centro la montagna

22 aprile 2018
RSI Radiotelevisione svizzera di lingua italiana

Intitolata «Al centro la montagna», la puntata del programma televisivo «Il Giardino di Albert» andata in onda il 22 aprile 2018 fu interamente dedicata alla montagna. In studio, l’ospite fu Cristian Scapozza, geografo e curatore del Museo storico della Valle di Blenio.

La puntata impaginava anche due servizi sulla montagna: «Al centro la montagna», di Vito Robbiani e «DIGA 33!», di Cesare Bernasconi.

Girato tra Acquacalda, la Valle di Blenio e il Lucomagno, «Al centro la montagna» di Vito Robbiani ci porta alla scoperta della zona del Lucomagno in compagnia di Christian Bernasconi, biologo appassionato di formiche che da qualche anno gestisce il Centro Pro Natura Lucomagno, una struttura immersa in un suggestivo ambiente alpino: la visita dei comparti ad alta quota del Cantone, in percorsi che portano oltre al limite superiore del bosco, e la sincera passione di Christian per il promovimento e la difesa della montagna offrono l’occasione di scoprire la storia del Centro, situato in zona Acquacalda a 1’750 metri di quota, e di osservare da vicino la natura monumentale e le specie vegetali e animali di uno dei più incantevoli paesaggi naturali svizzeri.

Girato in Valle di Blenio, «DIGA 33!» di Cesare Bernasconi è la cronistoria di un cantiere decisamente unico nel suo genere, dalla preparazione fino alla conclusione dei lavori: quasi interamente ostruita da 18 metri di fango e detriti, la presa d’acqua della diga del Luzzone, che alimenta le turbine a valle, doveva essere liberata. Nel 2016 una ditta specializzata nei dragaggi marittimi e fluviali, la francese Tournaud (filiale della VINCI Construction), ha allestito un cantiere alpino a 1’600 metri di quota. Grazie a una piattaforma galleggiante appositamente concepita e a una gigantesca gru da 130 tonnellate guidata tramite un sistema satellitare GPS, gli specialisti hanno potuto dragare il fango a 200 metri di profondità e liberare così, in circa un anno e mezzo, l’impianto di captazione. Il materiale è stato poi trasportato con delle chiatte verso una zona interna del bacino e scaricato in un avvallamento concepito per contenerlo e trattenerlo, impedendo così che venga nuovamente trascinato verso la presa.

Devi essere registrato in per poter aggiungere un commento
Non ci sono ancora commenti!
4 maggio 2020
114 visualizzazioni
0 likes
0 preferiti
0 commenti
1 dossier
00:45:26
Già 1,485 documenti associati a Dopo 2000

Dossier:

La rete:
Sponsor:
7,766
2,290
© 2021 di FONSART. Tutti i diritti riservati. Sviluppato da High on Pixels.