Le informazioni di membri e visitatori sono analizzate in modo anonimo per fornire il miglior servizio possibile e rispondere a tutte le esigenze. Questo sito utilizza anche dei cookies, ad esempio per analizzare il traffico. Puoi specificare le condizioni di archiviazione e accesso ai cookies nel tuo browser. Per saperne di più.

Una moratoria edilizia per Lugano?

2 giugno 2001
RSI Radiotelevisione svizzera di lingua

Lugano ha origini antiche. Le prime tracce sicure dell'esistenza di una comunità sono testimoniate in un documento che risale all'anno 875 che parla di "Sancti Laurentii in Luano". Per il suo sviluppo urbanistico, occorre rilevare che, dal 1880 al 1910, in coincidenza con l'apertura della linea ferroviaria del Gottardo, si assiste ad una eccezionale crescita demografica: in trent'anni la popolazione aumenta di quasi 8000 abitanti, passando da 6949 a 14998 unità. Dal 1900 al 1945 la Città conobbe importanti trasformazioni urbanistiche a causa di una ulteriore crescita demografica e delle spinte economiche che di fatto cambiano radicalmente la struttura del centro storico e di interi quartieri, come ad esempio quello del Sassello (1939-1949). Nel 1972 furono aggregati a Lugano i comuni di Brè-Aldesago e Castagnola-Cassarate, mentre il 15 dicembre 2002 è stato approvato in votazione dalla popolazione il progetto Nuova Lugano, ossia dell'aggregazione alla città di Lugano di diversi comuni limitrofi.

In questo servizio della trasmissione televisiva «Eclettica», andato in onda il 15 giugno 2002, l'architetto Tita Carloni illustra l'agglomerato urbano della città di Lugano, ipotizzando una moratoria edilizia.

Devi essere registrato in per poter aggiungere un commento
Non ci sono ancora commenti!
19 novembre 2018
163 visualizzazioni
0 likes
0 commenti
1 dossier
00:03:52
La rete:
Sponsor:
3,842
1,590
© 2019 di FONSART. Tutti i diritti riservati. Sviluppato da High on Pixels.