Le informazioni di membri e visitatori sono analizzate in modo anonimo per fornire il miglior servizio possibile e rispondere a tutte le esigenze. Questo sito utilizza anche dei cookies, ad esempio per analizzare il traffico. Puoi specificare le condizioni di archiviazione e accesso ai cookies nel tuo browser. Per saperne di più.

Percorsi dell’Ottocento: 10 — Ponti e argini

1 gennaio 2004
RSI Radiotelevisione svizzera di lingua italiana

Il primo gennaio 2004, il programma televisivo «Il Quotidiano» mandò in onda questo servizio di Gianni Padlina, Patrizio Malaguerra e Mario Realini. Si tratta del quattordicesimo episodio di una serie di quindici servizio andati in onda prevalentemente nel 2003, anno nel corso del quale si ricordarono i duecento anni dall’Atto di Mediazione, vale a dire la risoluzione con la quale Napoleone Bonaparte attribuì, il 19 febbraio 1803, alla Svizzera una nuova Costituzione di stampo maggiormente federalistico e dunque con maggiori poteri attribuiti ai Cantoni, occasionando in tal modo anche la nascita del Canton Ticino, assieme con Argovia, Turgovia, Vaud, San Gallo e Grigioni.

Nel 1803 fu, quindi, posta la prima pietra dell’edificazione dello Stato cantonale ticinese, in un territorio povero, privo di infrastrutture, a cominciare dagli edifici in cui ospitare governo e parlamento, che dovettero adattarsi a chiedere ospitalità ai conventi di frati e monache. Occorreva porre in cantiere un’opera colossale di “incivilimento” del paese, adeguare il sistema legislativo ai tempi nuovi, costruire strade per favorire traffici e collegamenti interni tra i centri di pianura e di montagna, promuovere lo sviluppo economico e sociale in tutte le sue forme.

Per l’edificazione della nuova rete viaria e ferroviaria cantonale risultava fondamentale la costruzione di ponti che permettessero il superamento degli ostacoli naturali, in particolare i fiumi: per la ferrovia si optò per costruzioni in ferro, mentre per i ponti stradali si scelse la pietra. Altra grande sfida per il giovane Cantone nell’Ottocento sarà l’arginatura dei corsi d’acqua, in particolare quella del fiume Ticino, portata a termine soltanto nel secolo successivo. È l’ingegnere civile Giancarlo Rè che, in questo servizio, descrive le scelte tecniche dell’Ottocento.

Devi essere registrato in per poter aggiungere un commento
Non ci sono ancora commenti!
31 marzo 2021
55 visualizzazioni
0 likes
0 preferiti
0 commenti
0 dossier
00:06:29
Già 545 documenti associati a Prima 1900
La rete:
Sponsor:
7,754
2,287
© 2021 di FONSART. Tutti i diritti riservati. Sviluppato da High on Pixels.