Le informazioni di membri e visitatori sono analizzate in modo anonimo per fornire il miglior servizio possibile e rispondere a tutte le esigenze. Questo sito utilizza anche dei cookies, ad esempio per analizzare il traffico. Puoi specificare le condizioni di archiviazione e accesso ai cookies nel tuo browser. Per saperne di più.

Italiano in svizzera. Agonia di un modello vincente?

29 gennaio 2005
RSI Radiotelevisione svizzera di lingua

«Coscienza Svizzera» è un gruppo di studio e di informazione che mira a tener viva la sensibilità verso il nostro paese, le sue condizioni storiche e la sua realtà in continua evoluzione. Usando l'Agoramobile, nel corso del 2005 portò in numerose piazze la riflessione sul plurilinguismo. L'Agoramobile era una tenda mobile che girava la Svizzera, accogliendo dibattiti e manifestazioni di vario genere. Si trattava di una struttura della Fondazione svizzera Pro Regio. Consisteva in un veicolo pesante, il cui ponte laterale si apriva su una scena di 6 m x 4.70 m, attorno alla quale si sviluppava un volume gonfiabile che poteva ospitare fino a 150 persone.

Il 28 gennaio 2005, l'Agoramobile fu a Bellinzona, in Piazza Collegiata. Moderato da Alessio Petralli, il dibattito fu dedicato al tema: «Lingua, politica e diritto». Vi parteciparono Guido Corti, consulente giuridico del Consiglio di Stato del Cantone Ticino; François Grin, economista delle lingue, Università di Ginevra; Claudio Lardi, consigliere di Stato del Cantone dei Grigioni; Ottavio Lurati, professore emerito dell'Università di Basilea; e Luzius Mader, vicedirettore dell'Ufficio federale di giustizia.

Questo servizio di Lidia De Bernardi andò in onda il 29 gennaio 2005 nella trasmissione «Il Quotidiano».

Devi essere registrato in per poter aggiungere un commento
Non ci sono ancora commenti!
La rete:
Sponsor:
3,832
1,588
© 2019 di FONSART. Tutti i diritti riservati. Sviluppato da High on Pixels.