Le informazioni di membri e visitatori sono analizzate in modo anonimo per fornire il miglior servizio possibile e rispondere a tutte le esigenze. Questo sito utilizza anche dei cookies, ad esempio per analizzare il traffico. Puoi specificare le condizioni di archiviazione e accesso ai cookies nel tuo browser. Per saperne di più.
Delegazione all'Ufficio di conciliazione per lo sciopero Riecken-Walder

Delegazione all'Ufficio di conciliazione per lo sciopero Riecken-Walder

1929
Non identificato
Fondazione Pellegrini Canevascini

Titolo: Delegazione all'Ufficio di conciliazione per lo sciopero Riecken-Walder

Autore: Non identificato

Data: 1929

Luogo: Non identificato

Fondo di provenienza: Gabriele Rossi

Segnatura: 01367

Riproduzione: Vietata, salvo autorizzazione della FPC

Il 27 ottobre si celebra la Giornata mondiale del Patrimonio audiovisivo, istituita dall'UNESCO nel 2005 per sensibilizzare l'opinione pubblica sull'importanza dei documenti audiovisivi quale parte integrante della nostra memoria collettiva e sull'urgenza delle misure di salvaguardia di questi documenti.

Per commemorare questa Giornata abbiamo quindi deciso di proporre… un'esperienza sinestetica, grazie ad una fotografia che permettesse di presentare la documentazione sonora della FPC, depositata presso la Fonoteca nazionale svizzera a Lugano.

La fotografia che presentiamo questo mese ritrae i membri della delegazione all'Ufficio di conciliazione per lo sciopero degli operai della fabbrica di torcitura del cotone Riecken-Walder di Biasca, svoltosi tra fine settembre ed inizio ottobre 1929. La fotografia proviene dal fondo di Gabriele Rossi, ex-docente, storico e archivista della FPC, e fa parte del materiale raccolto nell'ambito di un progetto di ricerca storica sulla fabbrica tessile Riecken-Walder.

Tra il 1985 ed il 1990 Gabriele Rossi, coinvolgendo direttamente gli allievi dell'Istituto SME di Biasca, ha indagato sugli impatti sociali ed economici di quello che fu uno dei primi stabilimenti industriali di Biasca. Oltre alle fotografie, il materiale raccolto comprende le registrazioni di tredici interviste, singole o di gruppo, di cui dodici ex-operaie e un ex-operaio, tutti anziani e pensionati.

Attraverso la mediazione delle testimonianze, Rossi tenta di ricostruire una narrazione delle fondi documentarie in suo possesso, chiedendo in particolare informazioni sulle modalità di recultamento in fabbrica, sulla conflittualità operaia e gli scioperi, sul ruolo dei sindacati e sulle risposte dell'azienda e delle istituzioni municipali, le multe, le sospensioni e le limitazioni di ordine pubblico.

Presso la Fonoteca nazionale svizzera è possibile ascoltare l'intera intervista a un gruppo di ex operaie sul lavoro alla fabbrica Riecken-Walder di Biasca (MC47115), mentre sul sito si può consultare l'inventario dei documenti sonori della collezione della FPC, tra i quali si trovano anche le altre dodici interviste sulla fabbrica di Biasca.

La Fondazione Pellegrini Canevascini gestisce e conserva un centinaio di fondi archivistici, che contengono documenti cartacei, migliaia di fotografie, registrazioni sonore e documenti audiovisivi.

Devi essere registrato in per poter aggiungere un commento
Non ci sono ancora commenti!
La rete:
Sponsor:
3,877
1,604
© 2019 di FONSART. Tutti i diritti riservati. Sviluppato da High on Pixels.