Le informazioni di membri e visitatori sono analizzate in modo anonimo per fornire il miglior servizio possibile e rispondere a tutte le esigenze. Questo sito utilizza anche dei cookies, ad esempio per analizzare il traffico. Puoi specificare le condizioni di archiviazione e accesso ai cookies nel tuo browser. Per saperne di più.

Piero Bianconi, ieri e oggi

31 maggio 1979
RSI Radiotelevisione svizzera di lingua italiana

Girato a Minusio e a Mergoscia, il 31 maggio 1979 la TSI mandò in onda questo documentario di Adriano Soldini dedicato allo scrittore e storico dell’arte ticinese Piero Bianconi in occasione del suo ottantesimo anniversario.

A pagina 10 del settimanale «Teleradio» in edicola per la settimana dal 26 maggio al 1 giugno1979, Adriano Soldini presentava il servizio con queste parole:

Lo scrittore Piero Bianconi compie gli ottant’anni. La festosa circostanza è occasione per rendere merito a uno dei più incisivi e fecondi testimoni del Ticino di oggi e del Ticino di ieri. Uomo di formazione e d’interessi culturali che vanno ben oltre i confini di una provincia culturale come dimostrano i molti scritti di critica e di storia dell’arte e le monografie dedicate a grandi artisti italiani ed europei di ogni tempo, traduttore assiduo di opere letterarie, egli è tuttavia profondamente e intimamente legato al Ticino, ai suoi aspetti più veri e minacciati che affondano le ragioni umane, storiche e civili in una realtà che purtroppo va snaturandosi e perdendosi. È stato detto che Piero Bianconi ci ha insegnato a vedere il nostro paese con occhi nuovi cioè cercando di ridarci spirito e immagini che superassero una certa visione di maniera e banalmente artefatta. Nella parte migliore e meno occasionale della sua opera si respira infatti vigore e acutezza di giudizio, novità di rappresentazione del nostro paese e della nostra gente, amore e prontezza assidua di osservazione dei luoghi e della vita, delle testimonianze del passato quali lezioni e monito per il presente. La sua lunga opera di scrittore, dal lontano «Croci e rascane», ritratto inconsueto e nuovo del nostro paese, alla rievocazione pervasa di pietà per il mondo dell’emigrazione e della fatica di ieri che ispira il più recente libro «Albero genealogico», attraverso innumerevoli contributi alla conoscenza del paese e di noi stessi, costituisce un lavoro a cui è giusto rendere omaggio di riconoscenza e di riflessione.
Adriano Soldini

Devi essere registrato in per poter aggiungere un commento
Non ci sono ancora commenti!
18 marzo 2022
54 visualizzazioni
0 likes
0 preferiti
0 commenti
0 dossier
00:47:26
Già 2,159 documenti associati a 1960 - 1969
La rete:
Sponsor:
9,231
2,629
© 2022 di FONSART. Tutti i diritti riservati. Sviluppato da High on Pixels.