Le informazioni di membri e visitatori sono analizzate in modo anonimo per fornire il miglior servizio possibile e rispondere a tutte le esigenze. Questo sito utilizza anche dei cookies, ad esempio per analizzare il traffico. Puoi specificare le condizioni di archiviazione e accesso ai cookies nel tuo browser. Per saperne di più.
Chi si ricorda a cosa servisse questo aggeggio?

Chi si ricorda a cosa servisse questo aggeggio?

12 giugno 2020
Claudio Abächerli

Ovviamente si tratta di una forma per fabbricare candele. Questa l'ho trovata nella stalla di Mesocco-Benabbia che apparteneva a mio bisnonno Michele Levi. Ha l'aria antica, di fattura artigianale, latta con saldature in stagno, e ritengo sia del periodo prima che arrivasse la luce elettrica, quindi fine '800. A un'estremità, conica e con un piccolo foro, si annodava per ogni candela uno spago che fungeva da lucignolo e lo si tirava fino alle aperture che si vedono qui, annodandolo a un ferro da calza o simile in modo che fosse teso e nel mezzo. Poi, tenendo l'apparecchio in verticale si versava nella vaschetta, per chi aveva le api, cera fusa (ed era un lusso) ma di solito sego fuso (grasso animale, la cosiddetta "sungia"). Si metteva il tutto nella fontana a raffeddare e si ottenevano così 6 candele per volta. Oggi basta premere l'interruttore.....

Devi essere registrato in per poter aggiungere un commento
Non ci sono ancora commenti!
Claudio Abächerli
586 contributi
20 giugno 2020
129 visualizzazioni
2 likes
0 preferiti
0 commenti
1 dossier
Già 295 documenti associati a Prima 1900

Dossier:

La rete:
Sponsor:
5,856
1,954
© 2020 di FONSART. Tutti i diritti riservati. Sviluppato da High on Pixels.