Le informazioni di membri e visitatori sono analizzate in modo anonimo per fornire il miglior servizio possibile e rispondere a tutte le esigenze. Questo sito utilizza anche dei cookies, ad esempio per analizzare il traffico. Puoi specificare le condizioni di archiviazione e accesso ai cookies nel tuo browser. Per saperne di più.

Parlami in «rügin»: «El so oden al verbava in sedes»

1 dicembre 1982
RSI Radiotelevisione svizzera di lingua italiana

Raffaele Lorenzetti e Fabio Bonetti sono gli autori di questo servizio andato in onda il primo dicembre 1982 nel programma televisivo «Segni». Girato in Val Colla e nella confinante Val Cavargna, è un viaggio alla scoperta dell’antico mestiere del magnano (stagnino), diffuso soprattutto in Val Colla e in Val Cavargna. Gli stagnini crearono anche un particolare dialetto denominato «rügin», una lingua segreta per scambiarsi le informazioni e i segreti del mestiere. Con la scomparsa delle stoviglie di rame dall’uso domestico è cessata anche l’attività di questo antico mestiere, e con gli stagnini si anche è estinto il loro particolare gergo segreto.

A pagina 10 del settimanale «Teleradio» in edicola per la settimana dal 27 novembre al 3 dicembre 1982 si leggeva la presentazione del documentario di Raffaele Lorenzetti e Fabio Bonetti:

Parlavano in «rügin», una lingua segreta. Chi? I magnani della Val Colla. E anche quelli della Val Cavargna. «Ghè chi ‘I magnan!». I meno giovani si ricorderanno sicuramente ancora di questi lavoratori che, con l’ausilio di pochi strumenti (l’incudinella, il martello, il mantice, la forgia, la ciodera, la forbice, l’acido crudo e cotto, Io stagno) giungevano nei paesi a stagnar pignatte. Originati dalla mancanza, nelle loro valli d’origine, di sbocchi nelle attività agricole o artigianali, i calderai, al pari di altri ambulanti come arrotini, spazzacamini e ombrellai, erano costretti a vivere alla giornata. La precarietà, l’instabilità e la stagionalità del loro lavoro ne facevano una categoria di marginali che svilupparono un sistema culturale loro proprio, diverso, da quello tradizionale della civiltà contadina. La necessità di riconoscersi, di difendersi e di custodire i segreti del mestiere, spinse i magnani ad inventare un gergo: il «rügin». Con la scomparsa del rame dall’uso domestico è cessata anche l’attività degli stagnini. E con loro si è estinto il loro gergo segreto. Una nostra squadra ha incontrato i pochi ramai superstiti.

Devi essere registrato in per poter aggiungere un commento
Non ci sono ancora commenti!
29 aprile 2022
34 visualizzazioni
0 likes
0 preferiti
0 commenti
0 dossier
00:22:49
Già 1,129 documenti associati a 1940 - 1949
La rete:
Sponsor:
8,842
2,553
© 2022 di FONSART. Tutti i diritti riservati. Sviluppato da High on Pixels.