Le informazioni di membri e visitatori sono analizzate in modo anonimo per fornire il miglior servizio possibile e rispondere a tutte le esigenze. Questo sito utilizza anche dei cookies, ad esempio per analizzare il traffico. Puoi specificare le condizioni di archiviazione e accesso ai cookies nel tuo browser. Per saperne di più.

La «cevra mata» in Valle Bedretto

8 marzo 1973
RSI Radiotelevisione svizzera di lingua italiana

Consulente scientifico di questa puntata del programma televisivo «Situazioni e testimonianze» andata in onda l’8 marzo 1973 fu il linguista Ottavio Lurati. Intitolato «La cevra mata», ne fu autore Gianni Deberbardis assieme con Paul Lehner. Argomento del servizio è un argomento legato alle tradizioni al carnevale di rito ambrosiano: la maschera della cevra mata (capra matta), un personaggio teriomorfo (con le sembianze di una animale) che passeggia nei villaggi della Valle Bedretto per incutere timore agli abitanti. Non mancano la classica risottata, alcune ricette gastronomiche tipiche del periodo carnascialesco e altre curiosità legate a questa festività invernale.

Le maschere a forma di capra sono attestate in Val Bedretto, Valle Maggia, Val Colla e Moesano fino ai primi decenni del Novecento. A Bedretto una “capra matta” appariva l’ultimo giorno di carnevale, al momento di accendere il falò, e sfidava gli uomini più forti della comunità. Chi riusciva a strapparle le corna aveva l’onore d’impersonarla l’anno seguente.

Devi essere registrato in per poter aggiungere un commento
Non ci sono ancora commenti!
Già 136 documenti associati a Prima 1900
La rete:
Sponsor:
4,758
1,753
© 2020 di FONSART. Tutti i diritti riservati. Sviluppato da High on Pixels.