Le informazioni di membri e visitatori sono analizzate in modo anonimo per fornire il miglior servizio possibile e rispondere a tutte le esigenze. Questo sito utilizza anche dei cookies, ad esempio per analizzare il traffico. Puoi specificare le condizioni di archiviazione e accesso ai cookies nel tuo browser. Per saperne di più.
In evidenza
Il Ticino in una mappa della metà del Seicento

Il Ticino in una mappa della metà del Seicento

Johann Janssonius, Amsterdam
Claudio Abächerli

Questa immagine è tratta dalla mappa “Nova Helvetiae Tabula” di Johann Janssonius (dal suo vero nome Jan Janszoon), cartografo ed editore olandese (1588 – 1664).

La carta non è datata ma le sue principali opere furono pubblicate tra il 1630-1660 e quindi dovrebbe essere della metà del 1600. Questa mappa è ancora assai imprecisa, basti vedere la forma del lago di Lugano e l’andamento di alcune valli. Molto interessante è come vi siano indicati in generale pochi nomi di luogo fatta eccezione per la Val Maggia.

Così nel Sottoceneri abbiamo solamente Lugano, Trezo (Ponte Tresa) e Mendrisium, oltre che sul Ceresio anche Vasoldo (Valsolda) e Prolezo (Porlezza)

Nella zona del Piano di Magadino oltre a Berenzona/Bellinzona troviamo Magadino, Gardola (Gordola) e Locarno. In Leventina appaiono soltanto Polegium (Pollegio), Zornico(Giornico), Pfayt (Faido) e Ayrolum (Airolo). In Mesolcina Ruffle (Roveredo), Masox (Mesocco) e S. Bernardin.

In Val Maggia invece appaiono oltre 20 toponimi più o meno riconducibili a paesi conosciuti. Cominciando dal basso Vegaio (probabilmente Verscio), Cordario (Gordevio), Madian (Maggia), Coni (Coglio) Zumiana (Giumaglio), Sumeo (Someo). Vecirino non riesco a situarlo, non so di cosa si tratta. Se Mogeno è Moghegno, è indicato al posto sbagliato, dovrebbe essere presso Madian. Anche Loden (Lodano) è messo troppo a nord. Geuio (Cevio) è al posto giusto alla biforcazione della Valle di Campo, ma più in su la carta si fa confusionaria. Manca la biforcazione delle valli Bavona e Lavizzara. In val di Campo troviamo Campo e Cerentino, anche se in posizione invertita, ma anche Rusco (nessuna idea di cosa sia) e Bugnasco (Bignasco) nochè Caverino (Cavergno) che però non sono in val di Campo! Proseguendo in Lavizzara ecco Lavizera, ma un simile paese non esiste, è il nome della valle, poi Brontal e Manzonio (Brontallo e Menzonio), Brolio (Broglio), Sornice figura due volte (Sornico) indi Pecia (Peccia) e Fusio.

Perché mai figurino così tanti paesini della val Maggia mentre altri centri più importanti come Biasca non ci sono, è difficile da saper, forse il nostro cartografo (o i suoi informatori) avevano visitato la Maggia più a lungo…

Nomi di montagne non figurano ad eccezione di "Der Luckmanier Mons" che però indica il valico. Fiumi: solo il Ticino (Ticinus flu.) e la Maggia (Madia flu.) vengono nominati. Quanto alla nostra regione non la si chiama Ticino, ovviamente, ma Lepontii: siamo infatti nelle Alpi Lepontine!

Devi essere registrato in per poter aggiungere un commento
Non ci sono ancora commenti!
Claudio Abächerli
795 contributi
26 gennaio 2022
69 visualizzazioni
1 like
1 preferito
0 commenti
1 dossier
Già 631 documenti associati a Prima 1900
La rete:
Sponsor:
8,456
2,482
© 2022 di FONSART. Tutti i diritti riservati. Sviluppato da High on Pixels.