Le informazioni di membri e visitatori sono analizzate in modo anonimo per fornire il miglior servizio possibile e rispondere a tutte le esigenze. Questo sito utilizza anche dei cookies, ad esempio per analizzare il traffico. Puoi specificare le condizioni di archiviazione e accesso ai cookies nel tuo browser. Per saperne di più.

Chitarre del Sessantotto

1 maggio 1984
RSI Radiotelevisione svizzera di lingua

Cantautore, poeta, scrittore e professore liceale, Claudio Lolli è stato anch'egli nel Jukebox del post Sessantotto. Ne è esempio paradigmatico il famosissimo album del 1977 Disoccupate le strade dai sogni, contenente canzoni che hanno come argomento chiave le tensioni politico-sociali che, innescate nel Sessantotto, seguitarono per almeno un decennio a dar espressione a forze sociali antagoniste al «sistema». Celebre è la sua Ballata del Pinelli (composta da Pino Masi, Joe Fallisi e alcuni esponenti anarchici), in cui si ricorda la misteriosa e mai volutamente chiarita morte del ferroviere anarchico Giuseppe Pinelli che precipitò da una finestra della Questura di Milano nel 16 dicembre del 1969 durante le indagini per la strage di piazza Fontana.

In questa intervista di Jacky Marti, andata in onda il primo maggio 1984 nella trasmissione «Viavai», Claudio Lolli è con Gian Piero Alloisio, cantautore e drammaturgo italiano, esibitosi nella Svizzera italiana alla fine degli anni Settanta con il gruppo «Assemblea musicale teatrale».

Devi essere registrato in per poter aggiungere un commento
Non ci sono ancora commenti!
10 aprile 2018
365 visualizzazioni
0 likes
0 commenti
1 dossier
00:08:07
Già 238 documenti associati a 1980 - 1989

Dossier:

La rete:
Sponsor:
3,761
1,564
© 2019 di FONSART. Tutti i diritti riservati. Sviluppato da High on Pixels.